Commenta

La Festa dal Pipén
chiude col botto
un’edizione da record

pomi-pipen-ev

Nella foto, la Pomì sul palco e i commensali a tavola

TORRICELLA DEL PIZZO – Dopo un primo week end da tutto esaurito, la decima Festa dal Pipén ha chiuso col botto tra sabato 24 e domenica 25 gennaio. Un’edizione da record, diluita in due fine settimana entrambi baciati dal sole: gli stessi stand all’aperto in piazza Boldori sono stati molto frequentati da curiosi e acquirenti. Letteralmente presa d’assalto è stata però la tensostruttura che accoglieva il ristotenda. Sia nella serata di sabato, che in quella di domenica, gli organizzatori hanno fatto i conti con centinaia di commensali.

Oltre duecento le prenotazioni del 24 gennaio, che sommate a quelle del sabato precedente fanno schizzare il computo a circa 500 menù completi serviti in due serate. Ospiti d’onore, le giocatrici, lo staff tecnico e dirigenziale della Pomì Casalmaggiore, presentate poi sul palco da Max Pieriboni, comico che ha intrattenuto il pubblico ad inizio serata. Applauditissima anche l’esibizione di Beppe Braida, da Zelig a Torricella con uno show che ha attirato l’attenzione di tutti i presenti ai tavoli.

La festa è proseguita poi domenica, degna chiusura della sagra per eccellenza del calendario casalasco di gennaio. La soddisfazione degli organizzatori corre di pari passo con quella del comune di torricellese: mille euro dell’incasso verranno utilizzati per ristrutturare l’area del centro sportivo, che accoglie campo da tennis, bocciodromo e giochi per bambini. La stessa formula, ampliata a due week end, ha permesso di aumentare le presenze e di far provare a centinaia di persone la bontà del Pizzetto, il tipico salame col filetto di Torricella del Pizzo, e il pipén, ovvero il piedino di maiale lessato, protagonista della festa.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti