Commenta

Un unico portale
per promuovere l’intero
comprensorio Oglio Po

oglio-po_ev

Nella foto una bella skyline di Casalmaggiore

CASALMAGGIORE/VIADANA – L’unione fa la forza. Un adagio mandato a memoria a livello locale. Un mantra per enti pubblici e di promozione per aumentare l’attrattività di territori altrimenti marginali. Terre di confine, nel caso nostro unite da due fiumi, il Po e l’Oglio. E’ a questo comprensorio che gli Amici di Casalmaggiore e il Gal rivolgono una nuova iniziativa: unire le forze, si diceva, per creare un brand, una proposta in grado di racchiudere eccellenze culturali, enogastronomiche, imprenditoriali di un territorio a cavallo tra due province e compreso tra due fiumi. L’idea, made in Casalmaggiore, prevede la creazione di un sito internet che possa fare da vetrina per l’intera area Oglio Po. Un portale implementato da giovani, connesso all’informazione locale e alle reti di promozione turistica nazionale.

Il nome è immediato: “Viaggiare nell’Oglio Po”, per dare seguito ad un progetto già in embrione sui social network. La presentazione avverrà tra pochi giorni, secondo quanto confermato dagli ideatori dell’iniziativa. Il velo verrà tolto dai referenti del Gal Oglio Po Terre d’Acqua, mentre gli Amici di Casalmaggiore, padri dell’iniziativa, sono già all’opera per creare la rete di intelligenze, prettamente nostrane, capaci di collegare la realtà al web. E perché no mettere in mostra professionalità che il mercato del lavoro non sempre è in grado di valorizzare.

Dalle parole ai fatti: la prima iniziativa corale di promozione del territorio Oglio Po approderà alla Bit, la Borsa Internazionale del Turismo in programma a Milano 12, 13, 14 febbraio. I referenti mostreranno il sito al tavolo della regione Lombardia. Chissà che anche al Pirellone, in vista di Expo, si accorgano davvero delle eccellenze del comprensorio Oglio Po.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti