Commenta

Inciampa e sbatte
sul paraurti: grave
meccanico 35enne

infortunio-vicoboneghisio_ev

Nella foto il luogo dell’incidente con l’ambulanza e l’auto medica

VICOBONEGHISIO (CASALMAGGIORE) – Più che di un incidente sul lavoro strettamente inteso, potremmo parlare di una banale distrazione che ha creato non poca apprensione poco dopo mezzogiorno di martedì: protagonista sfortunato un meccanico indiano di 35 anni, dipendente dell’officina Essecar di Vicoboneghisio, sita in via degli Artigiani, all’ingresso della frazione di Casalmaggiore.

Stando a una prima ricostruzione fornita sul posto, il meccanico, residente a Sabbioneta e di origine indiana Singh, sarebbe inciampato mentre camminava nel porticato esterno all’edificio principale della grande officina, che si occupa di allestimento e riparazione di veicoli industriali. L’uomo, corpulento, ha sbattuto con lo sterno contro il paraurti in ferro di un camion parcheggiato lì vicino e avrebbe subito accusato gravi problemi respiratori. Una botta violentissima, insomma, specie per il modo repentino in cui l’uomo è caduto a peso morto.

Da qui la grande paura tra gli operai, che hanno però avuto il sangue freddo per chiamare i soccorsi: sul posto sono giunte un’ambulanza della Padana Soccorso e un’auto medica, in codice rosso. I medici a bordo hanno provato la pressione dell’uomo infortunato e le risposte sarebbero state rassicuranti, o almeno questo è stato riferito in un secondo momento: il 35enne di Sabbioneta è sempre rimasto cosciente e i suoi parametri vitali sarebbero rientrati nella norma.

Tuttavia il 35enne è stato trasportato all’Ospedale Maggiore di Cremona sempre in codice rosso, a indicare dunque una situazione sanitaria grave: due operai hanno seguito il collega con un’auto fino all’ospedale, sperando di ottenere risposte positive per scongiurare conseguenze drammatiche, pur nella banalità di una caduta involontaria. Presso l’officina è arrivata anche l’Asl Medicina del Lavoro, per gli accertamenti di legge.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti