Commenta

M5S ancora contro
il Pd: “Dove era Federici
negli ultimi 13 anni?”

m5s-viadana_ev

Nella foto il gruppo 5 Stelle di Viadana

VIADANA – Anche il Movimento 5 Stelle, novità alla ribalta della prossima campagna elettorale viadanese, attacca il Pd e in particolare Nicola Federici, ex assessore della giunta Penazzi. Il concetto espresso dai pentastellati suona più o meno così: “Perché il Pd attacca ciò che a Viadana non va quando è rimasto a capo di coalizioni di maggioranza per tredici anni, senza fare nulla per migliorare la situazione?”.

“E’ vero che il regolamento sulla gestione del Teatro Vittoria va completamente rivisto” spiegano dal Movimento “è vero che le associazioni di volontariato sono purtroppo lasciate sole, è vero che i cittadini viadanesi meritano sale civiche con spazi più ampi e attrezzati, è vero che i costi per l’utilizzo del Mu.Vi. sono inaccessibili e dovrebbero essere gratuiti per chi promuove cultura per la comunità, ma è soprattutto vero che queste problematiche erano presenti in modo evidente anche durante l’ultima amministrazione. Come mai l’allora assessore Federici, oggi candidato sindaco, non ha presentato le proposte che oggi avanza?”.

“Ribadiamo” aggiungono i 5 Stelle avvicinandosi in questo caso al pensiero di Giovanni Frijio “che la Società Storica Viadanese non riesce a fare iniziative al Mu.Vi. già dal 2013, e le fa in un altro Auditorium, proprio perché la precedente Giunta Pd-Udc ha stabilito prezzi proibitivi per le associazioni. Come Movimento 5 Stelle Viadana ci impegneremo per risolvere anche la gestione di questi spazi e di queste strutture”.

“Il Comune deve impegnarsi a rilanciare la cultura e l’associazionismo attraverso iniziative che sostengano tutti quei sodalizi virtuosi del nostro territorio” commenta il candidato portavoce Sindaco Alessandro Teveri concentrandosi sulla linea programmatica “in modo da riattivare la cittadinanza e avendo, di conseguenza, un ritorno positivo anche sul tessuto economico”. Il candidato 5 Stelle conclude: “Il patrocinio comunale non può essere un mero atto formale, ma una chiara indicazione della linea amministrativa e un concreto aiuto ai promotori di iniziative meritorie”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti