Commenta

Don Mazzolari “entra”
nelle scuole: giornata
evento a Bozzolo

coro-diotti_ev

Nella foto un momento della giornata nella chiesa di San Pietro

BOZZOLO – Don Primo Mazzolari è entrato anche nelle scuole di oggi: lo ha fatto tramite il suo messaggio di pace senza tempo, in una giornata dedicata da Bozzolo, paese d’origine del sacerdote, proprio ai cittadini del futuro. Un programma intenso, partito alle 8.30 con l’accoglienza presso l’oratorio bozzolese degli studenti delle classi di terza media della “Don Mazzolari” di Rivarolo del Re (istituto comprensivo Marconi) e dell’Istituto Comprensivo Diotti di Casalmaggiore. Attorno alle ore 9 sono partiti per i ragazzi i workshop, con quattro gruppi che hanno seguito e approfondito diverse tematiche: presso il Centro studi della Fondazione Mazzolari, Giancarlo Ghidorsi della Fondazione stessa ha parlato di “Mazzolari e la Storia”, mentre in sala civica, la dottoressa, nonché assessore, Diletta Pasetti ha disquisito con i ragazzi sul tema “Mazzolari e l’obiezione di coscienza”. In oratorio il generale dei carabinieri Francesco Boselli assieme a Giuseppe Valentini hanno invece illustrato “Mazzolari e la Prima Guerra Mondiale”, mentre presso il salone delle suore è toccato al presidente della Fondazione don Bruno Bignami presentare “Mazzolari e la Pace”.

“Sogno la pace…” era del resto il titolo dato all’intera giornata, che dopo i workshop appena descritti è proseguita attorno alle 13 con il pranzo al sacco in oratorio. Dalle ore 15, invece, la Chiesa di San Pietro in Bozzolo si è animata grazie ad un invito esteso in questo caso non solo alle scuole ma all’intera cittadinanza. In particolare, per un’ora circa, è stato possibile ascoltare le parole di don Primo Mazzolari in musica, prima dei saluti finali. Proprio il pomeriggio in chiesa è risultato particolarmente suggestivo con i ragazzi dei due istituti che, diretti da Sonia Villani e da Palmiro Federico Froldi, con la coreografia di Paola Froldi, hanno letto brani di don Mazzolari, in primis “Si cerca un uomo” e “Tu non uccidere”, oltre a passi dei suoi diari, intonando anche canzoni assai note come l’Inno alla gioia di Beethoven, La guerra di Piero di De Andrè e We are the World di Michael Jackson.

Successivamente gli stessi discorsi di don Mazzolari sono stati eseguiti in musica, con l’arrangiamento realizzato dallo stesso maestro Palmiro Froldi. Un’idea che ha riscosso applausi e consensi dal pubblico che ha affollato la chiesa di San Pietro, dove non mancava il sindaco Giuseppe Torchio, per una giornata particolarmente sentita da Bozzolo. La giornata è stata programmata, per quanto concerne le scuole di Rivarolo del Re e di Casalmaggiore, dalla professoressa Maria Vittoria Dall’Asta.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti