Commenta

Elezioni, dopo
colpi bassi De Martino
invita al fair play

offese-campagna-elettorale_ev

Nella foto un manifesto strappato e la lettera minatoria a Calavalle

VIADANA – Dopo i tanti colpi bassi, rimasti rigorosamente anonimi, degli ultimi giorni, tra i candidati di Viadana l’auspicio è che si torni a un confronto dai toni magari accesi ma comunque all’insegna del fair play e della correttezza. Mentre da più parti vengono condannate le ultime “imprese” che consistono nell’avere stracciato manifesti elettorali regolarmente autorizzati in più zone del comune (una grana peraltro che riguarda un po’ tutti i candidati) e nell’aver fatto recapitare lettere anonime minacciose o minatoria – l’ultima delle quali a Michele Calavalle, medico di Cicognara, pesantemente insultato per essersi candidato come consigliere a sostegno di Dario AnzolaRoberto De Martino di Alleanza Civica, in corsa per la poltrona di primo cittadino, ha espresso la propria idea.

Lontano dal programma politico, sintetizza in fin dei conti quello che è l’auspicio di tutti i candidati e degli stessi elettori in un clima quasi certamente incattivito anche dal commissariamento del comune. “Credo che i cittadini di Viadana” scrive De Martino “non abbiano nessuna voglia di una campagna elettorale litigiosa, hanno molto altro a cui pensare tutti i giorni compreso come arrivare alla fine del mese. Non mi piacciono i manifesti stracciati, né gli atti vandalici, né le lettere minatorie e nemmeno le imprecazioni sulle amministrazioni del passato. Nella campagna elettorale preferisco il confronto di idee per migliorare la vita dei cittadini. Preferisco chi costruisce a chi demolisce, preferisco chi realizza a chi illude, preferisco chi si impegna rispetto a chi si lamenta e poi si tira indietro. I candidati sono tanti ma è meglio così la democrazia si nutre di questo almeno si può scegliere.  Il nemico comune da battere per noi candidati è la lunga lista dei non votanti per di più si voterà solo di domenica e nel ponte del 2 giugno. Alimentiamo il confronto e non il sospetto perché di lotte tra candidati non importa a nessuno. Non sarà certo chi uccide il passato a vincere le elezioni ma piuttosto chi fa nascere il futuro”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti