Commenta

L’orologio di Macerata
torna sulla torre: festa
per capolavoro di Gorla

gorla-orologio-macerata_ev

Nella foto l’orologio astronomico realizzato da Gorla e il momento del ringraziamento del sindaco

MACERATA – Una giornata storica per Macerata e anche per Alberto Gorla, maestro orologiaio di Rivarolo Mantovano alle prese con l’ennesimo capolavoro della sua collezione. E’ stato infatti inaugurato sabato pomeriggio, nel corso di una tre giorni organizzata proprio nella cittadina marchigiana, l’orologio astronomico della Torre civica, ribattezzata per l’occasione Torre dei tempi. Gorla, accompagnato anche dall’associazione Terre di Lombardia, ha ricevuto la stretta di mano del sindaco Romano Carancini attorno alle ore 10, prima che la sua ultima preziosa opera venisse scoperta al pubblico tra gli applausi.

La macchina oraria, originariamente realizzata nel 1570 dai fratelli Giulio, Lorenzo Maria e Ippolito Ranieri sul modello di quello di San Marco a Venezia, fu manomessa all’epoca dell’occupazione francese, parzialmente restaurata nel corso dell’Ottocento e sostituita nel 1882 dalla lapide commemorativa intitolata a Vittorio Emanuele II, che oggi trova posto sul lato della torre che affaccia sulla piaggia. Al suo posto, appunto, la replica dell’orologio, tornato a funzionare 133 anni dopo proprio grazie al maestro rivarolese.

L’orologio, nello splendore della cosmologia rinascimentale illustrata nel suo quadrante e la fede simboleggiata dai Magi in adorazione della Vergine con il Bambino, due volte al giorno, alle 12 e alle 18, creerà una sorta di carosello di queste immagini, divenendo dunque una vera e propria attrazione. Lo stesso Gorla ha definito l’orologio dei Ranieri “unico al mondo, perché, oltre alle ore, presenta il movimento dei pianeti”. La parte decorativa e la ricostruzione degli automi è della società Opera Laboratori Fiorentini di Firenze, mentre la supervisione scientifica è stata curata dal Museo Galileo Firenze.

Proprio sabato alle 12 è stato festeggiato il primo carosello dei Re Magi in onore della Madonna (con replica alle 18), con il sottofondo delle campane della torre. I festeggiamenti proseguono domenica, con il ritrovo in piazza della Libertà per la messa, nel corso della quale verrà proclamato l’Anno della Misericordia. Un altro evento musicale, con le campane in concerto, è invece programmato per il pomeriggio sempre di domenica alle 16, che chiuderà di fatto una tre giorni da ricordare per Macerata e, nel suo piccolo, grazie a un grande Maestro, anche per Rivarolo Mantovano.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti