Commenta

Invasioni Digitali,
tutto pronto per
la tappa di Piadena

lagazzi-piadena_ev

Nella foto i Lagazzi di Piadena

PIADENA – Per la prima volta la provincia di Cremona sarà coinvolta nelle invasioni digitali, progetto nazionale per la promozione della cultura attraverso i social media (http://www.invasionidigitali.it/it). Diventando ambasciatori della cultura per un giorno, il 26 aprile chiunque potrà aderire all’iniziativa, cercando di ‘invadere’ pacificamente alcuni luoghi di Piadena con smartphone, macchine fotografiche, videocamere, durante le visite organizzate proprio al fine di condividere la propria esperienza sui social networks.

L’iniziativa che si pone l’obiettivo di promuovere il patrimonio artistico, naturalistico e culturale della zona nasce dalla volontà di Giangiacomo Maroli e Chiara Regazzini, due giovani casalaschi laureati in Beni Artistici e in Economia del Turismo e vede la collaborazione del comune di Piadena e del suo assessore alla cultura Marica Dall’Asta, il Museo Archeologico Platina, oltre alla media partnership di Instagramers Cremona.

“Conoscendo assai bene le potenzialità del patrimonio storico-artistico della nostra zona, abbiamo deciso di lanciarci in questa avventura” dichiara Chiara Regazzini.  “Il nostro territorio è costellato da storia, fascino, natura e cultura tutte da scoprire: ogni angolo, ogni paese della provincia cremonese ha le sue peculiarità attualmente poco conosciute e valorizzate. Noi abbiamo cercato così di renderlo visibile alla nostra provincia, Regione e Nazione intera ”, prosegue l’altro ideatore Giangiacomo Maroli.

Questa prima invasione digitale sarà domenica 26 Aprile e si “invaderà” Piadena. Il ritrovo sarà in Piazza Garibaldi alle ore 14.30. Pagando il prezzo speciale di 2 euro concesso dal Comune, si partirà alla scoperta del Museo Archeologico Platina, dove una guida d’eccezione, il conservatore del Museo il Dott. Marco Baioni, illustrerà le peculiarità e l’importanza delle scoperte archeologiche avvenute intorno agli anni ’50 e ’70 del XX secolo nella zona piadenese.

Inoltre, all’interno del museo, ci sarà la possibilità di accedere in anteprima al nuovo allestimento del secondo piano. Infatti, sono stati posizionati dei nuovi reperti archeologici, che erano prima custoditi nel vecchio museo e saranno fruibili a partire proprio da questa Invasione Digitale. Ultima interessante chicca riservata solo per gli invaders ma non per questo meno importante, il Dott. Baioni ci illustrerà anche i nuovi contenuti digitali fra cui una bellissima ricostruzione 3D del villaggio palafitticolo dei Lagazzi.

Dopo aver invaso il Museo Archeologico Platina, si proseguirà con mezzi propri e si raggiungerà la chiesa di San Pietro nella frazione Vho, ottimo esempio di edificio tardo-barocco, dove potremo osservare interessanti dipinti di autori locali. Da qui, si partirà alla volta dei Lagazzi, monumento Naturale inserito nel 2011 nell’elenco dei siti Unesco tra i “Siti Palafitticoli preistorici dell’arco alpino”, dove sempre il conservatore del Museo il Dott. Baioni ci spiegherà la peculiarità e la storia di questo sito palafitticolo, dove un tempo passava il fiume Oglio. Infine, per raggiungere la giusta diffusione e visibilità gli organizzatori invitano i partecipanti a condividere sui social network le proprie fotografie, i video e i propri pensieri, utilizzando gli hashtag per tutta la giornata #invasionidigitali #invasionidigitalicr e #idpiadena.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti