Commenta

La seconda edizione
dell’Europa Run
“invade” Casalmaggiore

europa-runOk_ev

Nella fotogallery alcuni momenti della Europa Run 2015

CASALMAGGIORE — La seconda edizione dell’Europa Run ha invaso il listone di piazza Garibaldi, nel tardo pomeriggio di sabato. La manifestazione podistica, che prevedeva una corsa non competitiva, ha registrato discreto numero di partecipanti, 165 in totale. “Ci aspettavamo qualcosina in più dal circuito Fidal (21 gli iscritti provenienti da questo circuito, ndr) – spiega Andrea Visioli, l’organizzatore della manifestazione – dato che la gara era inserita nel calendario cremonese-bresciano. In compenso hanno risposto molti più casalesi o casalaschi e questo fa davvero piacere, perché i podisti nostrani si sono riappropriati della golena”.

Considerando che sabato sera giocava anche la Pomì Volley, col seguito di tifosi a Novara o anche davanti ai teleschermi, l’organizzazione può comunque dirsi più che soddisfatta. Tra i partecipanti, anche il vincitore dell’Eridano Adventure 2014, il campione cremonese Mauro Cattaneo. Il percorso si è snodato tra vie cittadine, argini e golena: uno spettacolo considerata l’ora e il tramonto che ha incendiato di rosso il grande fiume e un tracciato ben presidiato dalle Guardie Ecologiche Volontarie. L’Europa Run, iniziativa inserita nel contesto della Festa dell’Europa voluta dagli Amici di Casalmaggiore e giunta quest’anno alla terza edizione (per la corsa in sé è invece il secondo anno), ha visto la partecipazione anche di colei che per prima tagliò il traguardo un anno fa, Rossella Poli, capace peraltro di ripetersi. Foltissima la presenza dei giovani e dei podisti dai 25 ai 40 anni, con qualche bambino. La partecipazione locale è stata incarnata anche dallo speaker Corrado Arduini, già protagonista al microfono anche per la Maratonina di Santa Lucia, e dal sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, che ha fatto da starter poco dopo le ore 19: il primo colpo s’è inceppato, ma poi dopo il simpatico fuoriprogramma, la corsa è iniziata regolarmente.

Non mancavano poi gli stand in piazza Garibaldi, agghindata a festa con gonfiabili che hanno segnato la partenza e il traguardo, e la presenza anche scenografica di imprese e venditori specializzati di integratori sportivi, con professionisti sul campo pronti sia prima che dopo la gara a dare assistenza, e lo stand della Sportball-Joma, che ha offerto magliette, facendo marketing specifico sul campo. Il consigliere con delega allo Sport Giuseppe Scaglioni ha invece interpretato un doppio ruolo: prima ha corso la sua gara, poi s’è fatto trovare in piazza pronto per le premiazioni di rito.

Tra le tante storie da citare quella del bresciano Biagio Pavia, giunto a Casalmaggiore alle 18.30 per lavoro e fermatosi per assistere alle premiazioni. “Era convinto che la gara fosse quasi finita, invece stava per partire – racconta un divertito Visioli – . Ci teneva a partecipare ma ovviamente non aveva con sé il materiale da gara. Gli abbiamo dato la maglietta con gadget dell’organizzazione, è corso a comprarsi un paio di pantaloncini e gli ho prestato le mie scarpe, perché io personalmente dovevo solo fare il primo giro in bicicletta per aprire la gara. E’ arrivato decimo correndo con due numeri in più. Spettacolare”. Infine ecco i nomi dei vincitori: proprio Mauro Cattaneo ha vinto tra gli uomini chiudendo in 24’20”. Dopo di lui Edi Turco in 24’42” e Giuseppe Mancastroppa in 25′ netti. Tra le donne invece, come detto, prima Rossella Poli in 31′, poi Patrizia Bazzani in 31’25” e Simona Aschieri in 32’40”. Tra i bimbi un bravo (o brava) in particolare per Davide Movilli, Claudia Crescimbini, Sara Guareschi e Sofia Tartari.

Giovanni Gardani


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti