Commenta

Nuova sede per
il Centro Antiviolenza
di Casalmaggiore

gruppo-Mia_ev

Nella foto, le volontarie che crearono il gruppo Mia a Casalmaggiore

CASALMAGGIORE – Nuova sede per il Centro Antiviolenza di Casalmaggiore, gestito dall’associazione Mia, Movimento Incontro Ascolto. L’inaugurazione si terrà il prossimo 8 giugno alle ore 19.00 presso i nuovi locali di via Grandi al civico 28. “Sarà l’occasione per promuovere anche la campagna del tesseramento per i soci sostenitori ordinari”: spiegano le referenti di Mia, che ha in Annise Grandi la presidente dell’associazione. L’iniziativa è stata resa possibile dal supporto di regione Lombardia e dal comune di Cremona in qualità di soggetto capofila del progetto. “Grazie al progetto ‘L’Arca delle Donne. ampliare la rete di contrasto alla violenza sulle donne’ afferente un Bando di Regione Lombardia è stato in estrema sintesi possibile potenziare e qualificare l’offerta del centro”: illustrano dall’associazione.

Questi gli obiettivi raggiunti dal 2013 a questa parte, grazie ad Arca e all’impegno delle volontarie: “Individuare una sede idonea allo svolgimento delle attività che andremo ad inaugurare 8 giugno 2015; passare da una apertura settimanale a tre momenti di apertura; istituire una Convenzione con la Tenda di Cristo di Rivarolo del Re per accogliere le donne in emergenza; istituire una segreteria organizzativa; avviare le pratiche per aderire al 1522 per entrare nella rete nazionale; allinearci a quanto previsto dalla normativa vigente che disciplina e definisce l’identità dei Centri Antiviolenza”. Grazie al contributo di regione è stato possibile affidare incarichi professionali ed erogare a favore delle donne prestazioni e consulenze gratuite nell’ambito della consulenza legale e psicologica e non solo. Il centro garantisce il supporto della psicologa Marina Lupi, dell’avvocato Maria Del Miglio, del grafico Elisa Lodi Rizzini, della counselor Simona Tonini, del commercialista Lorenza Marchesi. Tutti i volontari inoltre svolgono attività di accoglienza e sportello a titolo gratuito.

“La sostenibilità del nostro centro – precisano dall’associazione Mia – si regge sul volontariato e su finanziamenti che periodicamente Regione mette a bando. Grande e inaspettato risultato per un gruppo come quello dell’associazione Mia costituita nell’anno 2013: risultato che deve diventare ricchezza per la nostra Comunità ed il nostro territorio che potrà da ora in poi contare su un centro con tutti i carismi”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti