Commenta

Cavatorta rilancia
il posto da assessore
per Roberto De Martino

cavatorta-viadana_ev

Nella foto Cavatorta, candidato in vantaggio

VIADANA – Giovanni Cavatorta offre nuovamente a Roberto De Martino la possibilità di entrare a fare parte della giunta comunale di Viadana, che verrà decisa di fatto con il ballottaggio della prossima domenica. Mentre dunque la campagna elettorale arriva ormai agli sgoccioli, Cavatorta ripropone un’idea già lanciata durante la campagna elettorale prima del turno del 31 maggio. “Proseguendo nel percorso civico (le liste civiche del nostro schieramento hanno raccolto il 55% del totale dei voti della coalizione) che ci ha contraddistinto fin qui e che ha visto l’elettore viadanese comprenderne perfettamente lo spirito e la sostanza slegata da logiche di partito e di appartenenza – spiega Cavatorta – intendiamo ribadire concretamente le nostre intenzioni. Il voto del 31 maggio ci ha premiato e questo ci sprona a proseguire nel solco tracciato, consapevoli della maturità del cittadino, incurante delle provocazioni e della scarsa qualità della campagna elettorale che abbiamo dovuto subire fin qui da parte dei nostri avversari”.

Poi l’offerta vera e propria, con contrattacco finale a Nicola Federici. “Rimaniamo sereni e concreti – scrive Cavatorta – e ribadisco l’idea che ho avuto modo di esternare pubblicamente precedentemente al primo turno, anzi la rilancio: sarebbe molto utile per la nuova amministrazione comunale la collaborazione in un ruolo chiave del candidato sindaco Roberto De Martino, nello specifico in un settore di fondamentale importanza e delicatezza come quello dei servizi sociali. Di più: mi piacerebbe che affrontasse anche la partita delle politiche sul’immigrazione con la sua riconosciuta pacatezza, determinazione e buon senso oltre che, naturalmente, conoscenza. Non si tratta come per quanto riguarda il mio contendente al ballottaggio di frenetica distribuzione di posti in giunta, quanto del riconoscimento di specifiche competenze indipendentemente dalle proprie convinzioni e appartenenze personali. Questo deve essere il vero senso civico di cui ha bisogno Viadana per ripartire e uscire dall’isolamento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti