Commenta

Chicchi di grandine
come noci tra Calvatone
e Canneto sull’Oglio

grandine-calvatone_ev

Nella foto i chicchi di grandine fotografati a Calvatone

CALVATONE/CANNETO SULL’OGLIO – Pare che, a differenza di quanto avvenuto lo scorso luglio, quando la grandine estiva rovinò parecchi campi e colture e portò addirittura a chiedere lo stato di calamità per diversi comuni del Casalasco, stavolta la tempesta abbia risparmiato proprio la fascia di terra che riguarda la zona cremonese del comprensorio Oglio Po. Si segnalano infatti danni nella provincia parmense e anche in quella mantovana, in particolare ad Asola e Acquanegra, dove la furia delle acque ha creato non pochi disagi.

Nel Casalasco, invece, non si registrano particolari danni, almeno per il momento, né segnalazioni ai Vigili del Fuoco. Dunque tutto nelle norma, nonostante un brutto temporale estivo scatenatosi nelle prime ore del pomeriggio. Una foto arrivata alla nostra redazione certifica che, comunque, seppur marginalmente, il territorio Oglio Po è stato bombardato dalla grandine, in particolare a Calvatone: chicchi grandi come noci, come testimonia la foto che pubblichiamo, ma per fortuna il fenomeno atmosferico è durato pochi minuti (contrariamente al Mantovano dove si parla di una tempesta di oltre mezz’ora) e dunque non ha provocato guai. Grandine anche a Canneto sull’Oglio, forse uno dei comuni mantovani più colpiti, anche in questo caso, dunque, al confine con il comprensorio Oglio Po. Per fortuna, però, almeno stavolta tutto è rientrato senza problemi irreparabili sia a livello logistico che per quanto concerne le colture nei campi.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti