Commenta

La Pomì si “vendica”
Supera Urbino e porta
a casa la Coppa Italia

pomì-beach-lignano-2015_ev

Nella foto la Pomì formato beach festeggia il successo

LIGNANO SABBIADORO – Una tappa e subito un trofeo, con la possibilità, anzi tre possibilità, legate ai prossimi tre appuntamenti balneari dei prossimi weekend, di migliorare il bottino che nel 2014 portò la Pomì a vincere la tappa di Riccione, quella dell’All Star Game.

Stavolta, alla terza partecipazione, la squadra di Marco Botti e Giuseppe Pini ha subito fatto centro, conquistando così la Coppa Italia di beach volley messa in palio dalla Lega Volley femminile. Per farlo la squadra di Casalmaggiore non s’è accontentata di vincere, ma ha stradominato il torneo, superando tutte e quattro le avversarie che ha affrontato e perdendo due soli set nel percorso, contro Forlì nel girone e contro Caserta in semifinale. La finale annunciata contro Urbino non ha avuto storia: Diletta Sestini e compagne hanno impattato bene il match conducendo da subito il primo set e vincendolo 15-10, un vantaggio netto se si considera la natura di questo sport abbastanza diverso dal volley indoor. Nella ripresa Pomì sempre avanti, 8-3 alla prima pausa tecnica e poi, senza cali di tensione, ha chiuso 15-12 il secondo parziale. La squadra di Botti-Pini “vendica” così il ko dello scorso anno, sempre in Coppa Italia, in quel caso a San Benedetto del Tronto, quando a imporsi fu Urbino per 2-0. Rebecca Perry della Pomì è stata anche votata Mvp del torneo.

Casalmaggiore conquista così la 17esima Coppa Italia del Lega Volley Summer Tour e la seconda tappa, su nove finora disputate in tre anni di partecipazione. L’impressione è che in questo 2015 la Pomì possa andare oltre e migliorare il proprio record: ora nel mirino la squadra, che sarà rafforzata in particolare nella tappa di Riccione anche da Imma Sirressi, proverà a conquistare il 4-5 luglio il campionato italiano a San Benedetto del Tronto, l’11-12 luglio l’11esima Supercoppa a Pescara e il 18-19 luglio a Riccione il quarto All Star Game.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti