Commenta

Maroni all’Oglio Po
Chi diserta (per protesta)
e chi manifesta

maroni-ev

Nella foto Maroni, oggi in visita all’Oglio Po

CASALMAGGIORE – La visita di Roberto Maroni, governatore di Regione Lombardia, all’ospedale Oglio Po di Casalmaggiore venerdì pomeriggio scatena da alcune parti anche la protesta dei sindaci del territorio. Una protesta che coinvolge in particolare i sindaci del Cremasco, che temono che l’ospedale di Crema possa perdere la propria autonomia con la nuova riforma sanitaria, e anche di quelli del territorio viadanese, con il previsto passaggio della Asl di Viadana sotto Cremona e i conseguenti problemi logistici per i cittadini della zona.

Curiosamente alcuni sindaci del viadanese diserteranno l’incontro sempre come forma di protesta: chi sarà presente però, quasi certamente, non mancherà di sollevare qualche critica. Di fatto l’Oglio Po sarà dunque il teatro di una visita che mira a spiegare perché di questa riforma – che se tutto andrà come sembra passerà con i voti del consiglio regionale al Pirellone martedì prossimo – non bisogna avere paura e perché addirittura, secondo lo stesso Maroni, sarà migliorativa rispetto alla geografia precedente.

A fare infuriare i sindaci, per il momento, non è tanto il contenuto del documento che sarà illustrato nel dettaglio anche dal presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia Fabio Rizzi, consigliere regionale della Lega Nord, quanto il fatto che la decisione sia stata presa dall’alto, senza considerare il parere dei sindaci dei piccoli o grandi comuni coinvolti. Maroni, che nel tardo pomeriggio di venerdì sarà anche a Mantova, altra città baricentro della nuova riforma, che sarà associata a Cremona nella nuova Agenzia per la Tutela della Salute, arriverà a Casalmaggiore alle 15 e per quell’ora il presidio cremasco e quello casalasco-viadanese – è il caso di tenere distinte le due questioni perché di problemi differenti si tratta – dovrebbero già essere attivi davanti all’ingresso dell’Oglio Po. Insomma si preannuncia un pomeriggio caldo, e non soltanto per il clima.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti