Commenta

Paolo Voltini delegato
lombardo per l’elezione
del presidente Uecoop

Uecoop-voltini-ev

Nella foto, da sinistra: Pozzi, Voltini, Prandini e Sette

MILANO – Germano Pè della coop Latte Brescia, Anna Ballarino della coop sociale Cascina Bianca di Milano ed Edoardo Negri della Co.pro.vi di Casteggio (Pavia), insieme a Paolo Voltini, presidente del Consorzio Casalasco del Pomodoro di Rivarolo del Re, sono i delegati lombardi che parteciperanno il 5 novembre prossimo all’elezione del presidente nazionale di UECOOP, l’Unione Europea delle Cooperative. La scelta è stata fatta mercoledì a Milano durante l’assemblea regionale che ha visto partecipare rappresentanti del mondo della cooperazione di tutti i settori: dall’agricolo al sociale, dal lavoro all’edilizia. “In Italia – ha spiegato Vincenzo Sette, coordinatore nazionale di UECOOP – sono 7 milioni le famiglie che ricevono servizi dalla cooperazione sociale e sono 800 mila i soci della cooperazione agricola. Sono solo alcuni numeri che spiegano l’importanza e la diffusione del modello cooperativo che, aldilà degli esempi negativi emersi con l’inchiesta Mafia Capitale, resta un sistema ancora attuale che non va demonizzato, ma che se ha un progetto alla base e se viene ben usato allora funziona e produce lavoro, ricchezza e servizi”.

In Lombardia – spiega UECOOP – sono oltre 11mila le cooperative presenti, con più del 50 per cento concentrato su Milano, l’8 per cento a testa per Bergamo e Brescia, poco più del 6 per cento a Monza Brianza, il 5,8 per cento a Varese, circa il 4 per cento ognuna a Pavia, Como e Mantova, poco meno del 3 per cento a Cremona e il resto a Lodi (2 per cento), Lecco (1,8 per cento), e Sondrio (1,3 per cento). “UECOOP – conferma Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia – è un nuovo modello che attraverso il confronto con i soci valorizza il lavoro e la qualità delle produzioni e dei servizi e pensiamo che partendo proprio dall’idea di Coldiretti di eccellenza del Made in Italy si possa trovare un nuovo modello di sviluppo per tutti i settori”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti