Commenta

Pomì, che Matuszkova
Casalmaggiore in finale
con Liu Jo allo Scabari

pomì-scabari_ev

Nella foto la Pomì Casalmaggiore prima del via

VERONA – Sarà Pomì Casalmaggiore-Liu Jo Modena la finale del terzo Memorial Scabari di Verona. La formazione campione d’Italia ha superato in quattro set la Savino Del Bene Scandicci e se la vedrà domani alle ore 15,00 con la formazione modenese che nella prima semifinale ha avuto la meglio per 3 a 0 sulla Metalleghe Montichiari. Dopo il netto successo della formazione allenata dall’ex Alessandro Beltrami è toccato alla formazione campione d’Italia deliziare la platea del palazzetto di Scienze motorie del capoluogo veneto. La Pomì si schiera con la diagonale di palleggio Lloyd-Matuszkova, le bande ricevitrici Bacchi e Piccinini, le centrali Olivotto e Vujko, il libero Sirressi. Mister Bellano disegna la propria squadra con Rondon in cabina di regia, Lotti in posto due, Loda e Fiorin attaccanti di quattro, la coppia centrale Stufi-Toksoy e Merlo nel ruolo di libero. Le tante assenze, quattro nelle fila casalasche, Tirozzi, Gibbemeyer, Stevanovic e Kozuch, due nella squadra toscana, Pietersen e Nikolova, non influiscono sulla gara che è bella ed avvincente sin dall’inizio.

Primo set

L’inizio della Pomì è di quelli che lasciano il segno, subito 3 a 0 per le rosa, con errore in attacco avversario, punto di Bacchi, imitata da Lloyd.  Si fa murare per il 4-1 Matuszkova che però si riscatta con palla potente che vale il 5-2. E’ un monologo delle rosa di Barbolini stoppate dopo l’8-2 di Bacchi dal time-out richiesto da Bellano. Non si arresta la marcia di Casalmaggiore che usufruisce di un positivo turno di battuta di Matuszkova che mette in crisi la ricezione delle toscane favorendo il 10-2 delle campionesse d’Italia. Scandicci prova a reagire e trova nel muro di Stufi l’arma in più riuscendo a risalire sino al 10-6. La rimonta avversaria non impedisce alla Pomì di arrivare al time-out tecnico avanti 12-8 grazie all’attacco da quattro di Piccinini. Rimane a distanza di sicurezza Scandicci dopo attacco devastante di Matuszkova (15-10) e i cinque punti rimangono inalterati dopo la veloce punto di Olivotto (16-11). E’ ancora Stufi a dimostrarsi la migliore nelle fila toscane e con una gran fast prova a lanciare Scandicci alla rimonta (19-15). Piccinini riporta il vantaggio a cinque punti con pallonetto intelligente che scende nella voragine del campo avversario, quindi la squadra di Bellano incappa in due falli di posizione su altrettante battute di Cecchetto subentrata a Vujko, che fanno decollare le rosa sul 22-15. Due bombe di Matuszkova da seconda linea portano Casalmaggiore a un punto dal set che si chiude con diagonale vincente di Piccinini per il 25-16.

Secondo Set

Questa volta a partire con il piede sull’acceleratore è la Savino Del Bene che con un’ottima Fiorin sale 2-4. La fase difensiva della formazione toscana decolla e il contrattacco è quasi sempre positivo, così si spiega il vantaggio di Rondon e compagne al time-out tecnico (7-12). Un lungolinea di rara precisione di Bacchi prova a lanciare le rosa all’inseguimento ma l’ace di Loda riporta le ragazze di Bellano a distanza ragguardevole (9-14). Fiorin con velenoso mani out regala a Scandicci il punto numero sedici, rimane ferma a dieci la Pomì. Due prodezze di Piccinini, un diagonale stretto ed una palla lunga in zona sei rimettono in scia Casalmaggiore (12-16). Risale ancora la Pomì grazie all’attacco punto di Matuszkova che finalizza una gran difesa di Sirressi ed un palleggio millimetrico di Lloyd. Ancora l’attaccante ceca spaventa la seconda linea avversaria andando a segno con diagonale profondo che vale il 15-17. Loda da quattro riporta Scandicci sul più tre (16-19) ma subito Olivotto dal centro beffa il muro avversario per il 17-19. Lotti imita Loda e Scandicci, grazie anche all’errore da quattro di Bacchi vola sul 17-21. E’ immediato il riscatto dell’attaccante casalasca che manda Matuszkova a servire sul 18-21. La stessa Bacchi si fa murare ma il direttore di gara ravvisa un’invasione che coincide con il 19-21. Il muro rosa restituisce il favore su attacco di Lotti e Scandicci va al servizio con Toksoy sul 19-23. La Pomì torna sotto con lungolinea vincente di Piccinini ma Stufi è imperiosa con la fast vincente che vale il primo set-point.Entra in battuta Cambi per Vujko ed ancora Piccinini tiene in corsa le rosa (22-24) e poi beffa il muro avversario con il mani out che vale il 23-24. Sempre a muro, grazie a Lloyd arriva il pari, quindi un errore dai nove metri di Cambi e il muro di Stufi su Olivotto fissano il punteggio sul 24-26 per le toscane.

Terzo Set

E’ un’altra Pomì quella che impatta col terzo parziale, Piccinini parte come aveva terminato il set precedente, Sirressi difende a tutto campo, il muro con Olivotto superlativa, tocca a ripetizione o mura gli attacchi avversari, la regia di Lloyd è sopraffina, Casalmaggiore vola sul 10-5 in maniera solo apparentemente semplice. Il punteggio continua a dare ragione alla Pomì anche al time-out tecnico al quale le rosa arrivano sul 12-6 dopo bomba di Matuszkova dai nove metri. Al rientro è ancora la ceca a mettere in difficoltà le toscane che lasciano anche il punto numero tredici alle casalasche brave a trovare il 14-6 su attacco di Bacchi. Scandicci prova un cambio al centro, dentro Alberti per Toksoy. In seconda linea è Sirresi show e sotto rete il muro rosa lascia passare solo gli spifferi, Casalmaggiore è sul 15-8. Olivotto è impeccabile sul pallonetto che vale il 16-10. Accelera ancora Casalmaggiore, il muro si conferma invalicabile e in attacco a turno le bombardiere casalasche beffano le avversarie. Prova a rifarsi sotto Scandicci ma più che altro per disattenzioni della Pomì che vede ridursi progressivamente il vantaggio sino al 22-20 che costringe mister Barbolini a cambiare qualcosa, dentro Ferrara per Bacchi e di li a poco anche Cambi per Vujko. Arriva il fallo in palleggio delle toscane e le rosa si portano sul 23-20. Piccinini va a segno per il 24-21, a seguire Lloyd realizza il muro del 25-21.

Quarto set

Grintose e motivate le ragazze di Massimo Barbolini anche in avvio di quarto set. Matuszkova è praticamente infermabile e le rosa impiegano poco tempo per pervenire al 7-3 fissato da un bel muro su Fiorin di Bacchi che poi si ripete bloccando Stufi sulla sua caratteristica fast. Il muro subito costa alla centrale della formazione toscana la sostituzione con Toskoy che ora fa coppia nel ruolo con Alberti. L’ace di Olivotto e l’attacco punto di una Bacchi decisamente in palla mandano Casalmaggiore al time-out tecnico avanti 13-5. Arrivano quindi tre ace di Matuszkova e la frattura tra le due squadre è sempre più evidente con la Pomì decisamente lanciata. Prova a ricaricare le avversarie Alberti ma subito Rondon dai nove metri manda out mandando le rosa sul 17-7. Obiettivo in vista per Piccinini e compagne dopo il diagonale imprendibile da due di Matuszkova e la traiettoria altrettanto ficcante di Bacchi da che valgono il 22-10. Le casalasche lasciano sfogare le avversarie che arrivano sino al 23-16 quindi con Lloyd chiudono la palla che vale il 24-16 e a seguire realizzano con Matuszkova il punto della vittoria.

POMI’ CASALMAGGIORE 3

SAVINO DEL BENE SCANDICCI 1

(25-16, 24-26,  25-21,  25-16 )

Pomì Casalmaggiore: Lloyd 7, Matuszkova 26, Piccinini 16, Bacchi 12, Olivotto 10, Vujko 2, Sirressi (L), Cambi, Cecchetto, Ferrara. All.: Barbolini

Savino Del Bene Scandicci: Rondon 3, Loda 7, Lotti 10, Fiorin 9, Stufi 6, Toksoy Guidetti 7, Merlo (L), Alberti 5, Giampietri. All.: Bellano

Arbitri:  Federico Mantovani, Federico Cescai

Note: durata set 22’, 30’, 26’, 23’. Ace: Pomì 7, Savino Del Bene 2. Battute sbagliate: Pomì 14, Savino Del Bene 8. Muri: Pomì 11, Savino Del Bene 5. Ricezione: Pomì 65% (prf 45%), Savino Del Bene 59% (prf 32%)

Mauro Vigna

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti