Commenta

Desalu torna a volare
Tempone in Corea sui 200
e speranze di medaglia

desalu-mondiali-militari_ev

Nella foto il gruppo delle Fiamme Gialle in Corea

MUNGYEONG (COREA DEL SUD) – Rinasce in Corea del Sud la splendida falcata di Fausto Eseosa Desalu, il velocista di Casalmaggiore delle Fiamme Gialle ma cresciuto nell’Atletica Interflumina e tuttora allenato da Gian Giacomo Contini. Proprio Contini ha lavorato sul talento di Desalu, negli ultimi tempi messo in crisi da una brutta pubalgia. Ora che i guai sembrano alle spalle, i risultati arrivano e infatti la prestazione di Desalu ai Giochi Militari Mondiali in corso in Corea fa sperare in un 2016 da urlo, durante il quale Desalu cercherà anche la qualificazione alle Olimpiadi di Rio.

Il tempo di 20’’71 sui 200 metri non solo ha consentito a Fausto di vincere la sua batteria di semifinale con qualificazione alla finalissima, ma anche di fissare il secondo miglior crono personale di sempre, dopo il 20’’55 ottenuto a Zurigo nel 2014 agli Europei assoluti. Il 21enne, dopo avere perso l’estate scorsa per i problemi sopra citati l’Europeo under 23, punta ora a vincere l’oro in finale sui 200, che si correranno alle 7.05 italiane di giovedì. Avversari da temere il connazionale Matteo Galvan e il brasiliano Gomes Da Silva, senza escludere però possibili sorprese.

Desalu potrà togliersi un’altra soddisfazione in staffetta, dove è il secondo frazionista dopo Fabio Cerutti e prima di Matteo Galvan e Delmas Obou nella 4×100. Il quartetto ha corso in 40’’60, che non è bastato per qualificarsi direttamente alla finale (ultimo tempo 40”54), ma è stato sufficiente per il ripescaggio. Ecco perché l’Italia potrà comunque andare a medaglia alle ore 10.55 ora italiana di giovedì. Va detto che il tempo di 40’’60 è stato ritoccato verso l’alto anche dal fatto che sia Desalu sia Galvan, nella stessa giornata, avevano già corso batterie e semifinali dei 200 metri. Giovedì, con una sola gara nelle gambe (quella dei 200 metri), potranno dare un contributo maggiore alla staffetta azzurra in cerca di gloria e rinascita.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti