Commenta

Pullman pieno,
studenti in piedi:
i genitori si arrabbiano

pullman_ev

BOZZOLO – Pullman troppo affollati e scomodi per un servizio quotidiano e fondamentale come il trasporto verso la scuola. Il riferimento è alla tratta Asola-Casalmaggiore garantita dalla ditta Trasporti Km, che gestisce la provincia cremonese. A protestare sono invece i genitori dei ragazzi residenti a Bozzolo, che quando salgono per giungere a Rivarolo Mantovano o a Casalmaggiore, in particolare al Polo Scolastico Romani, in realtà non possono sedersi e prendere posto, costretti dunque a sostenere l’ultima parte del viaggio in piedi. Non certo un lungo pellegrinaggio, a dirla tutta, però un po’ di comodità dovrebbe essere garantita dal servizio.

E il vero problema poi è un altro, perché, ad eccezione dei tratti autostradali (e non è ovviamente il caso del pullman Asola-Casalmaggiore), per legge non sarebbe consentito restare in piedi sui pullman, il che alimenta il rischio di lasciare a terra una trentina di studenti proprio di Bozzolo. Il sindaco del paese Giuseppe Torchio, dopo avere parlato con i genitori dei ragazzi, ha incontrato Trasporti Km per chiedere un potenziamento del servizio ed evitare dunque questo tipo di disagio. Risposte positive al momento non ve ne sono, se non la promessa di rivedere il piano di trasporti, collegandosi anche a Stradibus, servizio a chiamata attivo nella provincia di Cremona (ma non in tutti i centri) e monitorando in particolare le reali necessità ed esigenze (numeri alla mano) dei residenti del comune di Bozzolo. Il tutto verrebbe poi preso in carico dalla nuova Agenzia dei Trasporti Mantova-Cremona, vero apice delle novità previste nelle prossime settimane. Fino ad allora tutto congelato.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti