Commenta

Bozzolo, colpo in casa
La proprietaria vede
i ladri già in fuga

carabinieri-ev

BOZZOLO – “Non bisogna più muoversi di casa oppure darsi il cambio quando si esce”. Questo il laconico commento della moglie di Giuseppe Valentini, l’ex consigliere comunale di Bozzolo anch’egli vittima di un odioso furto in casa. L’ultimo di una serie di episodi che sembrano non avere fine a Bozzolo così come in tanti paesi del circondario. Stavolta i malviventi hanno agito in circa trenta minuti, dalle 17 alle 17.30 quando la consorte del Valentini è tornata a casa e probabilmente il rumore della macchina ha fatto scappare i ladri.

Per combinazione proprio quello stesso giorno, venerdì pomeriggio, anche il vicino di casa aveva dovuto assentarsi lasciando così strada libera ai malviventi che ormai conoscono bene la zona, nei pressi dell’ospedale, avendola già setacciata in lungo e in largo. Quando la signora è tornata ha rischiato di trovarseli faccia a faccia avendone visto uno saltare giù dal balconcino per poi fuggire. Le stanze erano un vero disastro con tutta la biancheria e gli indumenti buttati per terra dopo essere stati tolti dai rispettivi cassetti. “Cercavano l’oro che non teniamo ma hannno trovato tutti gli oggetti del passato. Ricordi di famiglia conservati e rinchiusi in 14 scatolette tutte prelevate col loro contenuto”.

Ciò che lascia amareggiate le vittime di questi colpi sono la facilita e la strafottenza con cui questi individi violano la proprietà altrui. Calpestando, schiacciando e mettendo le mani negli oggetti personali. “Adesso devo lavare tutto capo per capo e faccio fatica a tirarmi sulla faccia il piumone la notte pensando che qualche estraneo potrebbe esseci stato seduto sopra”. Oltre agli oggetti rubati nelle scatoline la famiglia deve fare i conti con i danni provocati agli infissi con finestre e porte pesantemente danneggiati, con i catenacci interni addirittura piegati.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti