Commenta

Casalmaggiore d’Europa
presenta
la Champions League

pomi-presentazione-champions-ev

Nella foto, da sinistra: Massimo Barbolini, Valentina Tirozzi, Mauro Vigna, Filippo Bongiovanni e Luciano Toscani

CASALMAGGIORE – Si respira aria di Champions League a Casalmaggiore, comune di 15mila anime il cui nome ha già fatto tremare una metropoli continentale come Istanbul. E si respirerà aria di Champions mercoledì 11 novembre a Cremona, dalle parti di Ca de’ Somenzi. Il PalaRadi accoglierà l’esordio casalingo europeo della Pomì Casalmaggiore: un evento di portata storica per la città e l’intera provincia, che è stato presentato questa mattina nella sede della Vbc. Al centro sportivo casalese ribattezzato PalaBaslenga, coach Massimo Barbolini, il capitano Valentina Tirozzi, l’addetto stampa Mauro Vigna, il sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni e il dirigente rosa Luciano Toscani hanno tenuto la prima conferenza dall’eco continentale: all’orgoglio maggiorino per un traguardo di così grande portata raggiunto, si aggiunge l’ambizione sportiva di alzare ancor di più l’asticella, verso un passaggio del turno che, dopo l’impresa di Istanbul con le campionesse di tutto dell’Eczacibasi VitrA, diventa credibilissimo. E mercoledì le rosa si giocheranno già il primato della pool C contro le polacche del Chemik Police, vincenti all’esordio per 3-0 contro l’Agel Prostejov e con già in bacheca la Supercoppa nazionale, sorella di quella che luccica in Baslenga.

“Impressioni all’esordio? Estremamente positive – così coach Barbolini – data la vittoria sul campo dei campioni in carica, sia per valore loro che per importanza di fare punti. Per passare serve vincere quattro partite e in questo girone sarà un’impresa ogni volta. Credo che il Police oggi sia più forte dell’Eczacibasi”. “Vincere la gara di Istanbul è stata un’emozione grandissima – ha ribadito Tirozzi – che ci ha dato subito consapevolezza della nostra forza. Era l’esordio assoluto per la società e tante di noi. L’approccio è stato ok e il risultato clamoroso è arrivato non perché non ci credessimo ma perché loro sono le campionesse in carica. Questo ci dà grande energia per le prossime partite. Il nostro obiettivo è il passaggio del girone”.

“E’ un grande onore per una cittadina piccola come Casalmaggiore essere proiettata su un livello europeo”: ha detto il sindaco Bongiovanni. “Quindicimila contro 15 milioni… Abbiamo dimostrato di avere forza maggiore, stiamo facendo la storia quindi è giusto che l’amministrazione supporti la Pomì come può”. “A metà maggio abbiamo vinto il campionato e acquisito il diritto di disputare la Champions, in due giorni abbiamo deciso di accettare – ha svelato Toscani, referente Pomì per la competizione europea -. Abbiamo iniziato allora a lavorare e da subito ci siamo resi conto di che impresa rappresentasse. Per la nostra società si tratta di un ulteriore salto di qualità. Ci aspettiamo di portare con onore il nome della città e della provincia in Europa. Non a caso la maglia della Champions riporta un violino stilizzato. Speriamo che Cremona risponda bene, è importante per dare la carica giusta alla squadra”. “Questa per noi è una laurea – ha sottolineato il presidente della Vbc, Massimo Boselli Botturi -. Attorno a Toscani c’è una struttura che ha lavorato per rispondere alle esigenze di alta professionalità richieste dalla Cev. Sono contento che ancora una volta siamo in grado di rispondere con le risorse del territorio”. L’occasione della conferenza è stata utile alla società per presentare anche il nuovo sito – www.volleyballcasalmaggiore.it – realizzato da Luciano Soldi ed i suoi collaboratori. Una nuova veste per la vetrina online della Pomì Casalmaggiore, che avrà un occhio di riguardo verso i social network e i tifosi.

Tutto ciò, in attesa di mercoledì prossimo, quando il meglio del campionato italiano sfiderà una big d’Europa al PalaRadi: per Cremona, un mercoledì da leoni, anzi da pantere, quelle rosa Pomì, col violino e lo scudetto sul petto.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti