Commenta

San Martino, internet
lumaca. Renoldi:
“Nessuno investe”

computer-ev

SAN MARTINO DALL’ARGINE – “Se Mantova è maglia nera, San Martino dall’Argine è in un vero e proprio buco nero”. Lo ha scritto nei giorni scorsi dalla pagina Facebook del comune il sindaco Alessio Renoldi, in riferimento alla lentezza esasperante della linea internet sul proprio territorio comunale. “Lo Stato Italiano ci ha abbandonato. Siamo effettivamente molto arretrati quando si parla di linea internet – precisa il primo cittadino – . La causa principale è l’impianto: la centralina più vicina è a Bozzolo, a circa 4-5 km di distanza, sovraccarica e con problemi a garantire il funzionamento ai soli cittadini del comune ospitante, figurarsi a quelli dei comuni limitrofi. Il numero sempre crescente di utenze e lo stato logoro dei collegamenti rendono instabile la navigazione con continue perdite di connessione, rendendo di fatto impraticabile l’utilizzo della rete da parte delle attività e da parte dei cittadini”.

Renoldi poi offre anche alcuni dati a suffragio della sua denuncia. “Il segnale arriva debole, in alcuni punti possiamo constatare velocità di connessioni assolutamente inadeguate alle esigenze di oggi, si parla di connessioni a 1-2 Mb/s in download e meno di 0,3 Mb/s in upload (mediamente), velocità che non consentono di utilizzare internet in modo efficace. Telecom, interpellata, non ha alcuna intenzione di investire. Lo Stato Italiano ogni anno proclama enormi investimenti sulla banda larga, che vengono puntualmente disattesi. Ci rendiamo conto che il problema è grave, ma vi assicuriamo che l’Amministrazione si sta interessando in ogni modo per cercare di ovviare allo stato di arretratezza in cui versa il paese.”

Renoldi attacca dunque gli investimenti statali. “Purtroppo ogni anno vengono investite risorse per le solite cose: il Mezzogiorno, aerei di Stato, vitalizi, immigrazione, etc… e il risultato è che non ci sono mai i soldi per le cose che servono, anzi, direi necessarie! Non è un’opinione, è un dato di fatto”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti