Commenta

La guerra del latte,
Coldiretti in piazza
a Ospedaletto Lodigiano

coldiretti-expo_ev

Nella foto Coldiretti durante la manifestazione a Expo

Scoppia in Italia la guerra del latte con migliaia di allevatori della Coldiretti provenienti dalle diverse regioni, che con trattori e mucche al seguito, lasciano le campagne per difendere il lavoro, gli animali, le stalle, i prati ed i pascoli custoditi da generazioni. Nell’ultimo anno si è verificata una vera strage delle stalle con l’Italia che rischia di perdere per sempre la propria produzione di latte che agli allevatori viene sottopagata al di sotto dei costi di produzione, su valori che non consentono neanche di dare da mangiare agli animali e costringono alla chiusura, con effetti irreversibili sull’occupazione, sull’economia, sull’ambiente e sulla qualità dei prodotti. La vita o la morte delle stalle italiane dipende da pochi centesimi al litro di latte prodotto. Ad avvantaggiarsene sono le importazioni di bassa qualità che vengono spacciate come Made in Italy per la mancanza di un sistema trasparente di etichettatura.  Gli allevatori italiani si ribellano e prendono d’assedio con un vero blitz obiettivi sensibili e significativi.

Domani, sabato 7 novembre 2015, dalle prime ore del giorno migliaia di allevatori della Coldiretti provenienti da diverse regioni cingeranno d’assedio il centro di distribuzione dei prodotti della multinazionale del latte francese Lactalis, che dopo aver conquistato i grandi marchi nazionali Parmalat, Galbani, Invernizzi e Locatelli è diventata il primo gruppo del settore.  L’appuntamento è in via Guglielmo Marconi 10 a Ospedaletto Lodigiano (Lodi) a meno di un chilometro dall’uscita “Casalpusterlengo” dell’autostrada A1, proseguendo sulla ex strada statale 234 Mantovana.

Anche l’assessore all’Agricoltura di Regione Lombardia Gianni Fava fa sapere che sarà presente: “Domani mattina alle 9 sarò al presidio di Coldiretti Lombardia a Ospedaletto Lodigiano, per manifestare la mia solidarietà agli allevatori presenti e a denunciare il fallimento della negoziazione sul latte”. Lo stesso Fava da tempo sollecita un atto di responsabilità da parte del mondo industriale nell’accordo sul prezzo.

“Mi dispiace che qualche acuto pensatore, anziché condividere l’analisi oggettiva e fondata sui numeri operata dal sottoscritto, mi abbia accusato di vaneggiare – dichiara Fava -. La manifestazione di domani di Coldiretti, che non sarà solo lombarda, denuncia invece che il comparto lattiero è al collasso. Se poi c’è chi si diverte a dire che va tutto bene e che Fava vuole fare polemica col ministro Martina è libero di farlo. Anziché alle agenzie di stampa dovrebbe spiegarlo direttamente agli allevatori, che attendono invano un Piano Latte annunciato dal governo per lo scorso giugno e del quale nulla è dato sapere e che stanno per chiudere definitivamente le stalle, mentre a Roma qualcuno gioca con i tavoli interprofessionali”.

Gli allevatori italiani chiedono il rispetto della legge 91 del luglio 2015 che, in esecuzione dei principi comunitari, impone che il prezzo del latte alla stalla debba commisurarsi ai costi medi di produzione come emerge dal Dossier “L’attacco al latte italiano, fatti e misfatti” che sarà presentato nell’occasione alle ore 9,30.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti