Commenta

Casalmaggiore
cerca il riscatto:
Pomì vs Bolzano 3-1

matrimonio-pomi-ev

Foto Sessa

Lega Volley Femminile, Serie A1, nona giornata

POMI CASALMAGGIORE vs NERUDA BOLZANO 3-1 [25-23; 20-25; 25-19; 25-19]

Pomì Casalmaggiore: 1 Bacchi, 3 Lloyd, 5 Sirressi, 6 Cecchetto, 7 Ferrara, 8 Gibbemeyer, 10 Cambi, 12 Piccinini, 13 Olivotto, 14 Kozuch, 15 Stevanovic, 16 Tirozzzi, 18 Rossi Matuszkova. All: Barbolini-Bolzoni.

Sudtirol Bolzano: 1 Newsome, 2 Paris, 3 Garzaro, 5 Martinez, 7 Mari, 9 Manzano, 10 Bertolini, 11 Boscoscuro, 13 Ikic, 14 Lazic, 15 Brcic, 16 Veglia, 17 Waldthaler. All: Bonafede-Parisi.

Arbitri: Florian – Venturi.

NOTE: Spettatori 2329.

CREMONA – Un pesante ko da riscattare e un primo posto da riconquistare: la Pomì torna al PalaRadi, dove in campionato ha vinto tre volte per 3-0. Missione: dimenticare Modena e tornare a guardare tutti dall’alto verso il basso. Contro la neopromossa Bolzano le rosa giocano il posticipo della nona giornata.

PRIMO SET – In campo c’è ancora Lucia Bacchi, con Francesca Piccinini a completare il riscaldamento senza però guadagnare il campo. Le rosa dettano il passo ma non riescono a dare lo strappo decisivo. Bolzano con Martinez e pochi fronzoli resta incollato fino al 14-14 che induce Barbolini al time out. Al rientro, passano le altoatesine: il vantaggio ospite sveglia Kozuch che timbra due ace e rimette Casalmaggiore due passi avanti. Stevanovic col muro e con la fast porta la Pomì sul 20-18. Un’infrazione di Gibbemeyer e un punto di Martinez valgono il 20-20 e Barbolini decide che è arrivato il momento di Piccinini. Tirozzi spedisce fuori misura offrendo il 23-23 al Neruda. Un punto contestato da Bolzano decide il primo parziale: 25-23 Pomì, con qualche patema di troppo.

SECONDO SET – Casalmaggiore concede al Neruda la possibilità del doppiaggio: 3-6 e qualche mugugno scappa tra i tifosi rosa. Con Kozuch, a muro prima e con tocco beffardo poi, il distacco si riduce fino all’8-9. Al time out si arriva con Bolzano avanti di tre e una Pomì che fatica a ritrovarsi. Tirozzi e Bacchi suonano la carica, il PalaRadi risponde con calore ma il Neruda ha sempre una mano in più, stavolta è di Newsome. Il pari rosa è frutto di due erroracci altoatesini: sul 15-15 Casalmaggiore s’inceppa ancora e Bolzano ringrazia con un immediato +2. Rientrata Piccinini, talismano come nel primo set, la Pomì trova in Stevanovic le murate che ribaltano il parziale. Sul 18-17 è Bonafede a chiedere il time out. Altro ribaltone: Martinez sfonda per il 19-20 e stavolta è Barbolini a stoppare. Il 19-21 di Newsome fa imbufalire il tecnico di casa che prova a dare ancora la scossa. Niente da fare: Martinez continua a martellare, le rosa non trovano più il taraflex e per la prima volta in stagione al PalaRadi un set finisce in tasca alle ospiti: 20-25 e 1-1.

Tra secondo e terzo set, c’è tempo anche per una proposta di matrimonio: la fa il dirigente Emmanuele Saccenti alla fidanzata Claudia Sarzi Sartori: il sì arriva insieme al boato del PalaRadi.

TERZO SET – Le difficoltà della Pomì continuano nel terzo parziale fino a quando Kozuch e Stevanovic salgono in cattedra: al time out arriva il primo vantaggio rosa, 12-11. La teutonica decide che è arrivato il momento di forzare ma per restare agganciata Casalmaggiore ha bisogno anche degli errori di misura di Bolzano. Steinbrecher fa 17-18, Kozuch per la parità e l’allungo: 20-18. Lo scatto della Pomì è decisivo: il Neruda esaurisce la verve, anche dopo una discussione tra Barbolini e Bonafede. Si chiude 25-19 e anche i tifosi rosa prendono una boccata d’ossigeno.

QUARTO SET – Si riprende all’insegna di Stevanovic: la sua presenza sottorete fa il paio con le bordate di Martinez che mette Bolzano avanti di due: 5-7. Piccinini non riesce ancora a forzare quindi Lloyd insiste su altre direttrici. È ancora il muro, di Stevanovic e chi se no?, a dettare legge e spedire Casalmaggiore al time out sul 12-10. Nel finale escono i limiti di tenuta del Neruda e Casalmaggiore senza strafare divarica le distanze: ace di Kozuch e 18-13. Con Stevanovic è 20-14, anzi 21-14 perché la serba è inarrestabile. Bolzano bisticcia un paio di volte con la rete e una fast di Gibbemeyer porta il set sul 24-15. Il punto del match lo firma la più attesa: il 25-19 è di Piccinini, Casalmaggiore torna al comando solitario della serie A1.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti