Commenta

Pomì, Barbolini:
“Sconfitta difficile
da assorbire”

barbolini-ev

Foto Sessa

SCANDICCI (FI) – La Pomì cade a Scandicci, gettando via la possibilità di restare al comando del campionato. In coda ad un match che le rosa sono riuscite a portare sul lo 0-2, sprecando più volte la possibilità di chiudere vittoriosamente, le voci dei protagonisti testimoniano grande rammarico. A cominciare da quella di Margareta Kozuch: “La Savino Del Bene ha disputato un’ottima partita, hanno tenuto sempre un grande ritmo e alla fine noi siamo calate per la stanchezza arretrata. Complimenti a loro perché ci hanno messo in grande difficoltà sempre, anche nei primi due set che abbiamo vinto, adesso dobbiamo voltare pagina e pensare subito alla partita di Champions”. Dello stesso parere coach Massimo Barbolini: “Purtroppo la Savino Del Bene, come ha detto la Kozuch, non è mai calata e ha giocato sempre a ritmi alti. Se vediamo le statistiche nei primi due set loro hanno giocato meglio di noi e solo i loro 19 errori ci hanno permesso di vincere. Onore a loro, è sicuramente una vittoria meritata, noi abbiamo giocato molto in questo ultimo periodo, ma questa non può essere una scusante. Potevamo e dovevamo giocare meglio, le loro statistiche sono migliori in ogni fondamentale dal muro alla ricezione. Voltiamo subito pagina, anche se la delusione è tanta perché vincere due set a zero e poi perdere al tie break è una sconfitta difficile da assorbire”.

Per Scandicci ha parlato Azzini: “La partita è stata a strappi, ci sono state delle fasi in cui attaccava una squadra e poi fasi in cui attaccava l’altra e la differenza la faceva chi riusciva ad avere la fase positiva nell’ultimo. Nonostante i due primi set in cui si perdeva due a zero noi siamo stati sempre in partita e già questa è una vittoria. E’ inutile nasconderci dietro ad un dito, Pomì è molto più stanca, per gli impegni in Europa, di noi nonostante i due tie break consecutivi in sette giorni, però credo che la nostra vittoria sia meritata. Dopo i primi due set nessuno della squadra aveva la sensazione di andare a casa sul 3 a 0 per Pomì, perché noi siamo sempre stati in partita e questo ha fatto la differenza, anche per il pubblico che dopo l’ottimo terzo set ha iniziato a sostenere la squadra con un vigore mai visto”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti