Commenta

La Pomì è donna e lo
dice con un calendario
C’è la “Picci” senza veli

calendario-pomì-piccininiOK_ev

Nella foto le ragazze al termine della conferenza e il nudo integrale della Piccinini

CASALMAGGIORE – Dodici modi diversi di essere donna, tredici volti delle campionesse d’Italia in carica. La Pomì Casalmaggiore ha presentato il suo calendario 2016 nella mattinata di sabato alle 11.30 presso la sede rosa del Centro Sportivo Baslenga. Il calendario della Pomì, che torna dopo un anno di assenza, affronta il tema della donna, vista da diverse sfumature e con diversi aggettivi per ciascuna delle protagoniste.

Realizzato da ArteStudio, con le fotografie di Antonella Pizzamiglio, il lavoro alle luci di Barbara Sereni, il trucco e parrucco di Mathias Mocci e l’assistenza grafica di Erika Montagna (peraltro ex pallavolista a Casalmaggiore nell’anno della B2 con conquista della Coppa Italia e della promozione), il calendario della Pomì farà certamente parlare per la presenza del nudo integrale di Francesca Piccinini, che a dicembre è “la donna assoluta”. Un nudo, peraltro, artistico e non volgare, come è stato evidenziato e come si evince anche dallo scatto stesso. Le splendide foto documentano giocosità, dolcezza, mistero, fascino e tenerezza tipicamente femminili, grazie all’interpretazione delle tredici giocatrici della Pomì: essendo dodici i mesi, si è pensato di colmare il gap mettendo in un unico scatto i due liberi Imma Sirressi e Giada Cecchetto.

Il calendario, presentato dal presidente Massimo Boselli Botturi, dal capitano Valentina Tirozzi e dalle altre giocatrici presenti, è in vendita al costo di 10 euro e sarà acquistabile anche al PalaRadi per la partita contro Piacenza di domenica alle ore 17. Altro punto vendita già fissato è il negozio di abbigliamento Guareschi in piazza Garibaldi. E a tal proposito, parte del ricavato del calendario sarà donato ad Amurt (il presidente Paolo Bocchi è anche il titolare del negozio sopra citato) per favorire le adozioni a distanza nei paesi del cosiddetto Terzo Mondo.

Stampato dalle Arti Grafiche Perisco di Cremona, il calendario ha avuto una genesi molto democratica. “Le ragazze sono venute in studio – ha spiegato Pizzamiglio – a inizio stagione, quando ancora mancavano le Nazionali. Noi di ArteStudio già avevamo pensato ai dodici aggettivi, uno per ciascun mese, ma poi sono state le stesse atlete a pensare, per sé e per le altre, l’associazione”. Precisiamo che Piccinini non ha scelto per sé il ruolo di “donna assoluta”, perché sono state le compagne ad eleggerla tale. E così, oltre allo scatto di “The Queen”, ecco una Mariella Ferrara versione Anna Magnani in un campo di pomodori, oppure la Kozuch elegante e misteriosa lungo una scalinata di un nobile palazzo. E ancora la Gibbemeyer allo specchio, la Bacchi materna nella foto che ha fortemente voluto con la sua nipotina, il capitano Tirozzi che sta in equilibrio, un po’ cuoca e un po’ signora in abito da sera. E ancora la selvaggia amazzone Matuskova, Sirressi e Cecchetto che duellano alla spada, Carli Lloyd azzeccatissima in versione Mickey Mouse, molto made in Usa, e Stevanovic in tutta la sua statuaria eleganza. Senza scordare l’angelo (di Champions) Carlotta Cambi e Rossella Olivotto nuova catwoman di Casalmaggiore.

A conferma del radicamento sul territorio gli sfondi sono stati scelti tra Casalmaggiore, Martignana di Po, dove ha sede Dondolando Arte e San Giovanni in Croce, puro territorio Casalasco insomma. Un calendario apprezzato da tutti i tifosi presenti e da coach Massimo Barbolini, e un’opera che lascia spazio, peraltro, nella pagina finale, a tutto lo staff, in questo caso in veste sportiva ovvero “tecnica”. Peraltro gli scatti sono disponibili anche in formato poster, senza riferimenti al calendario in sé, che saranno venduti a parte. A margine della conferenza stampa è stato anche presentato il nuovo addetto stampa della Pomì: si tratta di Riccardo Negri, giornalista di Viadana.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti