Commenta

Cingia, ‘sfida’
natalizia tra
applaudite corali

coro-cingia-ev

Nella foto, un momento delle esibizioni

CINGIA DE’ BOTTI – Il coro di Cividale e Spineda, frammisto ad alcuni cantori di Torre de’ Picenardi, si è esibito domenica sera nella chiesa parrocchiale di Cingia de’ Botti. Un evento musicale di altissimo livello artistico a cui, non a caso, ha presenziato un folto pubblico che ha riempito tutti i banchi della chiesa.

E’ stata una specie di confronto tra il Gruppo corale “G.Denti” di Cingia con la formazione mista di Torre, Cividale e Spineda. Non una sfida ma un piacevolissimo alternarsi di voci e musicalità proposto da questi coristi che, non va dimenticato, nella vita svolgono tutt’altra attività. Eppure la loro professionalità è apparsa in maniera strepitosa con un repertorio non sempre facile da interpretare ma che ha suscitato ammirazione e applausi da parte del pubblico. Pullover amaranto quelli della formazione locale mentre il gruppo ibrido si è presentato con il classico abbigliamento nero. Entrambi i cori sono stati diretti egregiamente da due maestri di classe quali  Piepaolo Vigolini (sindaco di Cingia) e il notissimo Donato Morselli. Questi, alla fine ha diretto tutti i cantori riuniti per l’ultima esecuzione di un brano a tutti noto come Astro del Ciel dove il maestro Morselli girandosi verso il pubblico ha invitato tutti ad unirsi al coro. Importante l’inserimento in alcuni pezzi del sassofonista Attilio Baratti mentre le classi quinte delle elementari hanno eseguito benissimo il “Gaudete” e la simpatica filastrocca “I 12 giorni di Natale”. Quando uno spettacolo si presenta con le credenziali adatte non c’è nebbia o freddo che fermi la partecipazione come è stato domenica sera a Cingia per il Concerto del Patrono.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti