Commenta

Gola Gola Festival,
anche Casalmaggiore e
Sabbioneta nei tour

gola-gola-casalmaggiore-sabbioneta_ev

CASALMAGGIORE – Con 1000 euro versati, cifra tutto sommato simbolica per un comune anche in tempi di magra, Casalmaggiore si garantisce la possibilità di maggiore visibilità dal punto di vista turistico e gastronomico. Lo fa partecipando, come svela la delibera pubblicata all’albo pretorio on line nei giorni scorsi, al Festival Gola Gola, manifestazione itinerante dedicata al gusto, come il nome stessa lascia intendere, che nel 2016, a giugno, farà tappa a Parma.

La città ducale non ha nulla da invidiare dal punto di vista culinario a nessun’altra cittadina e trovandosi ad appena 20 minuti di auto da Casalmaggiore, ha pensato di coinvolgere un territorio vasto, guardando così ben oltre i confini provinciali e, se è per questo, anche regionali. Una mossa azzeccata, pure per ottenere la possibilità di maggiori fondi, che intendono infatti premiare la capacità di allargare gli orizzonti. Casalmaggiore, va detto, ha conosciuto la collaborazione con Parma e i comuni rivieraschi sulla sponda emiliana già durante la manifestazione “Un Po di Sport” della scorsa estate, quando oltre a Mezzani, Colorno, Sissa e Torrile, anche il comune casalese ha potuto gareggiare con i propri atleti e mettersi in mostra. Stavolta dallo sport si passerà alla tavola e alla buona cucina.

Dal 10 al 12 giugno la piazza del Duomo di Parma sarà il luogo nel quale troveranno spazio vari stand dei comuni partecipanti, dunque anche quello di Casalmaggiore, con street food, cene a tema e anche spettacoli di colori e luci. Soprattutto il centro di Parma sarà il punto dal quale partiranno vari pullman per dieci (in totale) itinerari turistico-gastronomici: alcuni diretti a Modena e Piacenza, dunque in piena Emilia Romagna, o sull’Appennino e in collina, altri invece diretti versi Colorno e, a quel punto, anche a Casalmaggiore e Sabbioneta, in un triangolo magico. A dirla tutta, il comune mantovano noto come Piccola Atene deve ancora approvare la propria partecipazione, ma si tratta, considerata la grande opportunità, di un pro forma. Insomma, la Bassa nel segno del gusto per una sorta di piccolo Expo, ristretto nelle dimensioni, non, si spera, nelle sensazioni…

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti