Commenta

Viadana, il Pd chiede
più impegno del Comune
per la biblioteca

Riorganizzare gli orari e aumentare gli investimenti: queste le richieste del capogruppo Nicola Federici.
monumenti-a-Viadana-Archivio-Storico-Biblioteca-Museo-Galleria-Civica
Nella foto, l'ingresso della biblioteca

VIADANA – Il circolo Pd di Viadana, tramite il capogruppo consiliare Nicola Federici, in vista del prossimo Consiglio ha presentato una mozione sull’apertura ed il potenziamento della biblioteca comunale. “Uno dei più importanti patrimoni storici ed artistici della nostra città – riporta il documento -, sempre più punto di riferimento di alunni delle scuole superiori e di moltissimi studenti universitari che ogni giorno frequentano i suoi locali per usufruire degli spazi e dei servizi che essa offre”. “Negli anni passati il personale della biblioteca è stato ridotto per le difficoltà complessive dell’organico del comune e attualmente in tale struttura sono a ruolo sei ragazzi del servizio civile nazionale”: precisa il Pd. “Visto che d’estate, ma anche d’inverno, si assiste ad un vero e proprio esodo dei nostri studenti verso la vicina Biblioteca Comunale di Casalmaggiore, la quale offre un orario di apertura al pubblico più flessibile ed a misura di studente, mantenendo i propri spazi aperti tutti i giorni dal lunedì al sabato sia al mattino che al pomeriggio, oltre alle aperture serali del lunedì e del giovedì” il Pd impegna Giunta e sindaco “a riorganizzare gli orari al pubblico della Biblioteca A. Parazzi facendo leva sulla presenza di volontari del sevizio civile nazionale e di volontari, in modo tale da permettere agli studenti viadanesi di disporre in maniera più frequente e continuativa dei locali in essa presenti; di trovare le risorse per il potenziamento della connessione wi-fi; di elaboratre un nuovo progetto e di ricercare i fondi per l’installazione di apparecchiature di raffrescamento dell’aria, visto che in passato non sono mai state installate perchè la sovrintendenza per i beni culturali, ne negò la possibilità”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti