Commenta

Treni, Pasetti a Torchio:
"Continua a ricevere
portoni sui denti"

Duro attaccao del segretario della Lega Nord sezione Oglio Po al sindaco di Bozzolo: "L’uomo della provvidenza non provvede a nulla se non alla sua autocelebrazione".
pasetti-torchio-ev
Pasetti e Torchio
SAN MARTINO DALL’ARGINE – In merito alle dichiarazioni rilasciate da Giuseppe Torchio secondo le quali avrebbe stilato un progetto di massima per un bypass ferroviario, chiedendo le risorse alla Regione, interveniene il segretario
della Lega Nord dell’OglioPo Cedrik Pasetti: “Il sindaco Torchio continua a ricevere portoni sui denti. L’uomo della provvidenza non provvede a nulla se non alla sua autocelebrazione. Dopo aver inneggiato alla soluzione definitiva di tutte le questioni ferroviarie del territorio ad opera di RFI, oggi scopriamo che, non solo il suo pellegrinare non ha prodotto nessun risultato positivo per Bozzolo ma anche
che ha ricominciato la sua litania nei confronti della Regione”. “Prendiamo atto – prosegue Pasetti – che Torchio ha elaborato un progetto definito ‘di massima’ per un bypass ferroviario senza aver coinvolto della circostanza gli enti territoriali competenti quali provincia, regione né tanto meno RFI con la quale auspicava sontuose sovvenzioni. C’è da chiedersi se il progetto esista davvero o sia la solita
boutade di un politico sul viale del tramonto”.
Continua Pasetti: “Scopriamo, oggi, che il Torchio celebra anticipatamente il de profundis per le due arterie autostradali MN-CR e TIBRE, quest’ultima formalmente stralciata dal PD emiliano dalle priorità regionali. Ancora non è chiaro che posizione intenda prendere Torchio: a tratti sostiene il Pd mantovano, ad altri si allinea con quello Emiliano: certamente è evidente che il PD tutto fa tranne interessarsi delle zone di confine, sempre presenti nei loro proclami ma mai nelle loro reali intenzioni. Torchio ancora una volta tenta di screditare la Regione alla quale  chiede di finanziare un progetto campato in aria e non concordato con nessuno, ben conscio di ricevere per tale motivo un secco diniego”.
Conclude Cedrik Pasetti: “Ormai ci ha abituati ad un cambio repentino e continuo di
opinione su qualsiasi progettualità in base al suo interlocutore: non si comprende infatti la sua posizione definitiva sulla MN-CR, sul Tibre e sulle relative opere compensative. Questo suo atteggiamento non può far altro che togliere credibilità al Comune che illeggittimamente rappresenta”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti