Commenta

Pomì, la prima volta
a Novara
dopo lo scudetto

Le rosa tornano in campo: sabato al PalaTerdoppio sfida alla Igor Gorgonzola.
novara-pomi3-ev
Un momento del match scudetto

CASALMAGGIORE – Si rinnova il big-match per antonomasia delle ultime stagioni: sabato sera la Pomì torna per la prima volta a Novara, nel palazzetto e contro l’avversaria con cui – il 16 maggio 2015 – vinse il titolo di Campione d’Italia. Nel frattempo – il 10 ottobre scorso – le rosa casalesi hanno imposto la loro legge anche nella finale di Supercoppa disputata al PalaRadi di Cremona.

Novara punterà a sfatare il tabù rosa, Casalmaggiore a riconfermarsi bestia nera delle azzurre: si preannuncia insomma un match ricco di valenze tecniche ed agonistiche. Per entrambe le formazioni, sarà d’altra parte importante vincere, per non perdere il contatto con la coppia di testa Conegliano-Piacenza (le quali peraltro hanno disputato sinora una partita in più). Casalmaggiore è reduce da un turno di riposo, necessario per smaltire le tossine accumulate a gennaio nella fase di preparazione dedicata al potenziamento atletico, nonché per recuperare qualche acciacco.
Le novaresi stanno vivendo una stagione complicata, culminata a dicembre nella sostituzione di mister Pedullà con Marco Fenoglio. Col nuovo coach, l’Igor ha colto quattro successi di fila; è reduce peraltro in campionato da una secca sconfitta per 3-0 a Modena. Giovedì 11 febbraio, impegnata in CEV Cup, la squadra piemontese è stata sconfitta poi per 3-1 dall’Azeryol Baku in Azerbaijan. Nonostante le difficoltà, le azzurre sono quarte in classifica a soli due punti da Casalmaggiore.

E d’altra parte l’organico è di tutta eccellenza: basti citare la coppia di centrali della Nazionale italiana Chirichella-Guiggi (con Chirichella in dubbio per infortunio, ma è pronta al suo posto, pur reduce da un grave lutto famigliare, il gioiellino Bonifacio), le altre azzurre Bosetti e Sansonna, la schiacciatrice serba Malesevic e la schiacciatrice americana Fawcett (arrivata a gennaio), per non parlare di Cruz, Signorile e soprattutto della fuoriclasse croata Fabris.

Novara: 1 Fawcett, 3 Bruno, 5 Wawrzyniak, 6 Malesevic, 7 Guiggi, 8 Cruz, 9 Bonifacio, 10 Chirichella, 11 Sansonna, 13 Signorile, 14 Bosetti, 15 Mabilo, 17 Bosio, 18 Fabris. Allenatore Fenoglio, vice Adami.
Casalmaggiore: 1 Bacchi, 3 Lloyd, 5 Sirressi, 6 Cecchetto, 7 Ferrara, 8 Gibbemeyer, 10 Cambi, 12 Piccinini, 13 Olivotto, 14 Kozuch, 15 Stevanovic, 16 Tirozzi, 18 Matuszkova. Allenatore Barbolini, vice Bolzoni.
Arbitri: Puecher – Florian.

© Riproduzione riservata
Commenti