Un commento

Piadena, elezioni:
Ivana Cavazzini
ci riprova

Nella conferenza stampa che si è tenuta nel tardo pomeriggio di venerdì, l'ex sindaco si è presentata con la vecchia squadra quasi al completo.
piadena-cavazzini-ev
La squadra di Ivana Cavazzini

PIADENA – A distanza di un anno dalla necessità di fare un passo indietro, Ivana Cavazzini ha sciolto le riserve: si ripresenterà candidata sindaco di Piadena a capo della lista che in modo compatto ha deciso di sostenerla. Come noto, l’ex sindaco di Drizzona era stata eletta due anni fa, ma era stata costretta poi a lasciare l’incarico in quanto consigliere provinciale al momento della candidatura. Nell’ultimo anno il suo vice Elisa Castelli ha svolto le funzioni di sindaco, sino alle nuove consultazioni della prossima primavera. Nella conferenza stampa che si è tenuta nel tardo pomeriggio di venerdì, Ivana Cavazzini si è presentata con la vecchia squadra quasi al completo. All’elenco mancherà solo Marco Corti: il suo sostituto verrà reso noto al momento della presentazione della lista. Anche Rifondazione Comunista, che due anni fa appoggiò solo la Cavazzini, ha garantito il suo appoggio per bocca del capogruppo in Consiglio Andrea Volpi, elogiando l’intero gruppo per come ha lavorato. Ivana Cavazzini ha ringraziato i compagni di squadra per come hanno lavorato in sua assenza, ribadendo la grande coesione e il costante rispetto dei ruoli. Si ricomincia dunque dal programma elettorale: alcune cose sono state fatte, altre iniziate e altre partiranno. Elisa Castelli, da poco mamma della piccola Greta (venerdì presente), ha parlato di un anno molto importante anche se per lei devastante, ringraziando Ivana per il sostegno ricevuto. In seguito si sono susseguiti i vari interventi dei componenti della lista, che hanno manifestato grande unità di intenti e voglia di lavorare per i cittadini prestando ascolto alle loro istanze.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Artur Miller

    Precisiamo e ricordiamo al solito giornalista poco preciso che la sig.ra Cavazzini è decaduta in quanto dichiarata ineleggibile non essendosi dimessa da sindaco di Drizzona al momento della candidatura (furbizia o distrazione?).
    Considerando il misfatto mi chiedo come la signora ed i suoi amici abbiano il coraggio di presentarsi anche alle prossime elezioni ma il peggio è che ci saranno cittadini che senza pudore le daranno di nuovo il voto.