Commenta

Dalla Cna un defibrillatore
alla Casa di Riposo
Busi di Casalmaggiore

La Cna, presente con il presidente Giovanni Bozzini, il responsabile di zona Elvio Mainardi e il collaboratore Uber Bassani, ha voluto gratificare la struttura con il prezioso dono per ricambiare la disponibilità di un ufficio di patronato gestito dalla Cna.
defibrillatore-busi_ev
Nella foto il momento della donazione

CASALMAGGIORE – “Un cuore riesce a battere ancora per un paio di minuti anche al di fuori dall’organismo”: questa emblematica affermazione del presidente della Fondazione Carlo Busi di Casalmaggiore Franco Vacchelli dà l’idea di quanto sia fondamentale intervenire con urgenza nei riguardi di questo importante muscolo cardiaco.

Proprio in quest’ottica la Confederazione Nazionale dell’Artigianato, con sede a Cremona, ha pensato e deciso di donare alla casa di Riposo di Casalmaggiore un defibrillatore allo scopo di venire incontro alle esigenze della Fondazione. “Avevamo già messo in preventivo l’acquisto di tale apparecchiatura e il dono della Cna arriva proprio nel momento opportuno. Purtroppo a Casalmaggiore non abbiamo personaggi come Bill Gates e mecenati che sappiano continuare l’opera del fondatore Carlo Busi” ha spiegato Vacchelli.

La Cna, presente con il presidente Giovanni Bozzini, il responsabile di zona Elvio Mainardi e il collaboratore Uber Bassani, ha voluto gratificare la struttura con il prezioso dono (del valore di 1400 euro) per ricambiare la disponibilità di un ufficio di patronato gestito dalla Cna ricavato presso la struttura e istituito allo scopo di fornire gratuitamente informazioni e assistenza sindacale a degenti e personale. Il direttore sanitario Giovanni De Raineri ha già fissato il corso per il 19 marzo prossimo allo scopo di insegnare la tecnica di utilizzo del defibrillatore a tutti i medici e infermieri della Casa di riposo.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti