Commenta

Federici: "Cavatorta attacca
il passato perché non sa
come difendersi"

Il capogruppo del Pd viadanese accusa il sindaco: "E’ meglio che guardi all’interno della sua maggioranza perché sempre di più si sentono mal di pancia e rumors di un cambio di uno o due assessori".
consiglio-viadana-ev
L'ultimo consiglio comunale di Viadana

VIADANA – “Dopo quasi un anno di governo del comune di Viadana e dopo che sono passati quasi due anni dall’amministrazione Penazzi, il sindaco Giovanni Cavatorta non sapendo come difendersi attacca la precedente amministrazione per cercare di nascondere le mancanze delle propria”. Parole del capogruppo di centrosinistra Nicola Federici, che torna ad attaccare il modus operandi dell’amministrazione Cavatorta. “A cosa serve la presenza degli assessori alla capigruppo se poi non sanno spiegare gli argomenti in discussione. Nel caso servono i funzionari, che li hanno creati, cosa che in passato non è mai mancata”. “In questo momento – continua Federici – è meglio che guardi all’interno della sua maggioranza visto che durante il consiglio comunale è stato ritirato un terzo punto all’odg con già l’accordo con l’opposizione sulle modifiche del regolamento comunale e la creazione del Question Time”.

“E’ meglio che guardi all’interno della sua maggioranza perché sempre di più si sentono mal di pancia e rumors di un cambio di uno o due assessori che cominciano ad essere poco graditi da chi li sostiene, non parliamo dei cittadini che hanno a che fare con loro e continuano a segnalarci problemi su problemi. Dalle risposte dell’ultimo consiglio comunale non siamo rimasti soddisfatti per Cava Caselli, dove come PD continueremo a lavorare per avere chiarezza su quanto sta succedendo, ma soprattutto per la pista di pattinaggio perché quanto riferito dall’assessore comunale non quadra con il bilancio rilasciato dalla Love Generation, pertanto presenteremo una richiesta di accesso agli atti per capire quanto speso. Inoltre ci siamo accorti che l’assessore non ha risposto a tutti i punti che abbiamo richiesto, come quello sui costi dell’energia elettrica trasmettendo poca trasparenza in quelli che sono stati i nostri quesiti”.

© Riproduzione riservata
Commenti