Commenta

"Tempo permettendo", comune
di Casalmaggiore ancora
protagonista in Regione

L'assessore alle Pari Opportunità Sara Valentini ha potuto presentare il nostro territorio e l'impegno dell'amministrazione sulle tematiche delle pari opportunità e della pianificazione e gestione dei tempi, soffermandosi sulle due misure del progetto.
valentini-regione_ev
Nella foto l'assessore Valentini in Regione

MILANO – In occasione della presentazione del nuovo bando regionale, pubblicato sul Burl lo scorso 29 marzo, riguardante le tematiche delle Pari Opportunità, l’Amministrazione Comunale di Casalmaggiore è stata invitata in Regione Lombardia il 5 aprile a raccontare il progetto e l’esperienza vissuta nella realizzazione di “Tempo Permettendo: una rete di servizi a sostegno delle donne per la conciliazione tra vita e lavoro” giunto primo fra tutti i progetti presentati nel Bando 2015.

“E’ il secondo anno consecutivo – spiegano dagli uffici di piazza Garibaldi – che il Comune di Casalmaggiore è protagonista per buone pratiche legate alla semplificazione della vita dei cittadini”. Lo scorso anno il sindaco Filippo Bongiovanni presentò alla medesima platea il Progetto Icaro, l’anagrafe presso il punto nascita dell’Ospedale. Quest’anno l’assessore alle Pari Opportunità Sara Valentini ha potuto presentare il nostro territorio e l’impegno dell’amministrazione sulle tematiche delle pari opportunità e della pianificazione e gestione dei tempi, soffermandosi sulle due misure del progetto: l’attenzione ai bisogni della donna impegnata nel mondo del lavoro che deve affrontare tutti giorni molteplici operazioni, anche banali, ma che tolgono tempo prezioso alla famiglia, ai figli, o agli anziani da accudire (Azione 1 Maggiordomo Aziendale) e l’accompagnamento dei propri figli presso le società sportive, che spesso offrono le attività durante l’orario di lavoro, perciò l’organizzazione familiare è sempre più complicata (azione 2 servizio di trasporto di gruppo) partita proprio in questi giorni.

“Ciò che è stato molto qualificante – si legge nel comunicato – è l’aver costruito una rete di stakeholders in grado di analizzare il bisogno di conciliazione e trovare delle risposte adeguate alle esigenze del nostro territorio attraverso una stretta sinergia tra pubblico e privato”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti