Commenta

Segnala un ladro
ma... è l'amante
della moglie

Utilizza Whatsapp per avvisare il vicinato di un'intrusione sospetta. Poi si accorge che lo sconosciuto era uscito da casa sua, dove a letto vi era la consorte...
whatsapp-ev

VIADANA – Le nuove tecnologie digitali portano indubbi vantaggi nel settore delle comunicazioni. Basti pensare all’applicazione per smartphone Whatsapp con cui si possono trasmettere a distanza messaggi e informazioni. Una caratteristica che ha coinvolto moltissime persone nel mettere a punto il cosidetto controllo del vicinato allo scopo di avvisare i residenti del quartiere su possibili facce strane incrociate per la strada. Un metodo già sperimentato con successo a Bozzolo, Spineda, San Martino e molti altri comuni del mantovano dove aumentano sempre più le richieste di adesione. Solo che qualche volta ci sono i rovesci delle medaglie. E peggior rovescio non poteva esserci per uno di questi partecipanti ai gruppi di sorveglianza.

Qualche giorno fa l’uomo residente nella zona casalasco viadanese ha lanciato un allarme che senza volerlo gli si è rivoltato contro. Era il pomeriggio di Pasquetta quando l’uomo, tornando da una lunga assenza da casa, si è imbattuto in uno sconosciuto che scavalcava di corsa una siepe allontanandosi velocemente. Solo che nella fretta di digitare sul telefonino la notizia dell’avvistamento non si è reso conto che il giardino da cui aveva visto scappare lo sconosciuto era quello di casa sua dove all’interno vi era la moglie sdraiata nel letto ancora mezza svestita. Una vicenda boccaccesca che ha fatto il giro del quartiere più rapidamente rispetto alla stessa notizia di un ladro sorpreso a rubare.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti