Commenta

Fausto Desalu vola
sui 400 metri: è record
italiano stagionale

Il velocista cresciuto nell'Interflumina brucia la concorrenza a Modena con un sorprendente 46”87 e inizia alla grande l'annata olimpica.
desalu-avis-ev
Desalu col tecnico Contini e volontari Avis

MODENA – Interessante esordio per il velocista casalese Fausto Desalu sul giro di pista, i 400 metri in occasione del Meeting Liberazione di Modena. Desalu ha sbaragliato la nutrita concorrenza, oltre 150 atleti al via, chiudendo la sua fatica in 46”87 miglior crono in campo nazionale di queste primissime battute della stagione 2016. Desalu ha vinto e convinto e tra gli addetti ai lavori si incomincia ad ipotizzare anche la possibilità di una buona staffetta del miglio, la 4×400 in chiave azzurra in vista degli Europei di luglio ad Amsterdam. I nomi ci sono. Con Desalu potrebbero scendere in pista Galvan, Manenti e Re. Si tratta comunque di ipotesi. Toccherà poi al C.T. Massimo Magnani fare le opportune scelte.

Per Desalu il giro di pista è stato soprattutto un test molto importante per osservare il suo stato di condizione dopo che per la prima volta nella sua giovane carriera non sono state disputate per scelta tecnica le gare indoor. L’esordio dunque è stato molto positivo. Fondamentale nelle tappe di avvicinamento i test svolti durante gli allenamenti e dell’analisi di produzione di acido lattico in occasione delle sedute specifiche di resistenza. L’atleta è stato monitorato grazie al prezioso aiuto del volontari Avis, dottor Ivano Benasi e l’infermiere Piero Storti che hanno eseguito il test del lattato al termine di prove sui 300 metri svolti con il protocollo del Centro di Medicina del Coni di Roma. Archiviata la prova d’apertura per Desalu ora verrà il momento di vestire la canotta dell’Interflumina E’ Più Pomì in occasione delle fasi regionali del campionato di società. Sabato 7 maggio disputerà a Modena i 100 piani e quindi dopo quindici giorni, il 21 e 22 maggio sempre a Modena doppierà 100 e 200. Sarà quello un bel banco di prova in chiave progetto Rio 2016.

© Riproduzione riservata
Commenti