Commenta

"S-Legami dal Gioco", ecco
i premiati del concorso di foto
E le iniziative proseguono

Si è cercato di approfondire con gli amministratori i temi legati alla possibili azioni da mettere in campo per limitare il sorgere di contesti potenzialmente nocivi, valutando l’impatto che il gioco d’azzardo patologico ha sulla salute del singolo, sulla famiglia e sulla comunità.
scacco-gioco_ev
"Scacco al gioco"

GUSSOLA/MARTIGNANA DI PO – Nell’ambito del progetto “S-Legami dal Gioco” è stato organizzato lo scorso venerdì un seminario di approfondimento e di discussione critica sulle diverse modalità possibili per contrastare la diffusione del gioco d’azzardo a disposizione delle amministrazioni locali. Per questo, presso la sede di DondolandoArte a Martignana di Po, ad aprire i lavori è stato il sindaco di Gussola Stefano Belli Franzini e non sono mancati rappresentanti politica e primi cittadini del Casalasco.

Si è dunque cercato di approfondire con gli amministratori i temi legati alla possibili azioni da mettere in campo per limitare il sorgere di contesti potenzialmente nocivi, valutando l’impatto che il gioco d’azzardo patologico ha sulla salute del singolo, sulla famiglia e sulla comunità. Il seminario è inoltre riuscito a sensibilizzare l’opinione pubblica su un fenomeno particolare, in cui le tradizioni e il pensiero comune hanno una grande rilevanza, e per certi versi non consentono di comprendere come il gioco possa svilupparsi in una vera e propria patologia legata agli aspetti della dipendenza. Il principale relatore è stato Giulio Marrotta, esperto di Avviso Pubblico e infatti curatore dell’osservatorio parlamentare e della parte connessa al gioco d’azzardo. Inoltre, dalle ore 16, hanno potuto presentare buone prassi già sperimentate dalle amministrazioni, Sara Paladini, assessore al commercio del comune di Novara, Rosita Viola, assessore alla Vivibilità sociale del comune di Cremona, e Angela Gregorini, assessore al Commercio del comune di Pavia. Da segnalare anche l’intervento di Valter Drusetta dell’ATS Val Padana, che ha parlato degli impegni e dei risultati ottenuti da Regione Lombardia.

Pensato dal Concass, Consorzio Casalasco dei Servizi Sociali, e dal comune di Gussola, capofila, “S-Legami dal gioco” ha portato ad interventi nelle classi ad opera della cooperativa Bessimo sul tema del gioco d’azzardo: gli educatori hanno incontrato circa 600 ragazzi e i loro insegnanti, promuovendo un’analisi critica al gioco d’azzardo attraverso l’implementazione delle  life skills e un approccio che utilizza la logica matematica. Il 17 aprile si è avviato il ciclo di incontri di informazione/prevenzione nei gruppi di popolazione anziana con un intervento tenuto dall’educatore Luciano Amadasi presso l’associazione “Il Sorriso” di Scandolara Ravara. Incontri di questo genere verranno realizzati nei prossimi mesi anche nei comuni di Casalmaggiore, Rivarolo del Re, Piadena, Cingia dè Botti e altri ancora nel Casalasco.

In conclusione il momento tanto atteso della premiazione del concorso fotografico, realizzato in collaborazione con il Fotocine Casalasco: sono state raccolte circa 100 immagini (da tutta Italia) scattate sul tema del gioco, che hanno messo a fuoco il gioco sano e il gioco che invece diventa ludopatia, il gioco che aggrega e il gioco che rinchiude nella solitudine, le conseguenze della ludopatia, e le visioni del gioco positivo. La giuria che si è riunita il 14 aprile composta dai fotografi Antonella Pizzamiglio, Gigi Montali e Davide Cavalli e dal pedagogista Valter Drusetta, esperto in materia di ludopatie, ha valutato le immagini sia da un punto di vista sia fotografico che di contenuto. Venerdì a Martignana sono state premiate le foto vincenti, che ora formeranno la mostra fotografica. Di seguito tutti i premiati:

Premio opere singole

1° premio: Edoardo Sanguanini, Rivarolo Mantovano

2° premio: Gabriele Cavazzini, Parma

3° premio: Erve Miozzo, Tavagnacco (Ud)

Premio come miglior sequenza 

“All in”: Lavoro collettivo le cui foto sono state scattate da Mirko Banoni e Sara Licci (collettivo fotografico artistico BubbleFucktory di Cremona) con la preziosa collaborazione di Gabino Maresca (effetti speciali in trucco e costruzione materiale scenico – e degli attori Josita Bassini, Nicola Lanfredi e Lorenzo Novelli dell’associazione di promozione sociale “Fili d’erba” compagnia teatrale d’assalto. Tra gli scatti pervenuti è stato segnalato anche il lavoro collettivo della 4^ A del liceo delle Scienze applicate Torriani di Cremona seguiti dall’insegnante Adriana Eugenidi, “Scacco al gioco”.

La mostra fotografica e quella dei fumetti a opera di “Fondazione Exodus” sarà allestita presso il ridotto del Teatro a Casalmaggiore il 4 e 5 maggio; sempre in questi  giorni a Teatro saranno realizzate conferenze spettacolo a cura dell’agenzia Taxi 1729: il 4 sera la cittadinanza è invitata a seguire Diego Rizzuto che con metodi semplici ma utilizzando la matematica e la logica e le probabilità, smonterà le false credenze sul gioco d’azzardo. Il costo del biglietto simbolico di 5 euro andrà poi devoluto al progetto “Fare legami”. A seguire sarà organizzato un piccolo rinfresco offerto dal Rotaract presso il ridotto dove saranno presenti oltre al personale del Concass, la Croce Rossa, il Rotaract e la Proloco. Le prevendite sono disponibili presso la Proloco di Casalmaggiore e presso il Concass in via Corsica 1 a Casalmaggiore (telefono 0375/203122).

Il 5 mattina la stessa conferenza sarà offerta alle scuole del distretto (medie e superiori) e in particolare alle classi che hanno seguito il percorso di prevenzione con gli educatori: il teatro di Casalmaggiore quindi ospiterà circa 600 ragazzi suddivisi in due turni. La mostra sarà poi allestita presso la Proloco di Casalmaggiore fino al 21 maggio giornata in cui è previsto un convegno pubblico. Un ulteriore evento è previsto per il giorno 26 maggio ore 21 a Gussola: il regista Alberto Oliva porterà in scena il giocatore di Dostoevskij.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti