Commenta

Tam tam tra i residenti
e l'auto sospetta si allontana:
funziona il sistema WhatsApp

Un'auto sospetta ha adocchiato diverse abitazioni in via Carbonara: un mezzo chiaro mai visto prima che si è fermato davanti ad ogni casa, con a bordo due ragazzi sulla trentina. La voce si è subito sparsa su WhatsApp e l’avvistamento sospetto è stato segnalato ben presto anche ai carabinieri.
whatsapp-antifurto_ev

AGOIOLO (CASALMAGGIORE) – Sembra funzionare il sistema di messaggistica gratuita di WhatsApp che molti quartieri o, in qualche caso, frazioni hanno adottato come una sorta di “mutuo soccorso” tra vicini di casa per migliorare la sicurezza e soprattutto segnalare movimento sospetti. L’ultimo caso risale a mercoledì sera e arriva da Agoiolo: certo è solo una circostanza tra tante, ma è comunque un segnale positivo e incoraggiante, che conferma che questa novità tecnologica non è solamente una moda vacua o destinata a non dare risultati. Anzi.

Mercoledì un’auto sospetta ha adocchiato diverse abitazioni in via Carbonara, fermandosi a pochi da ciascuna di queste attorno in un orario compreso tra le 22.30 e le 23: un mezzo chiaro mai visto prima che si ha sostato quasi davanti ad ogni casa, con a bordo due ragazzi sulla trentina. La voce si è subito sparsa su WhatsApp. Una volta che una delle residenti di via Carbonara, avvisata con WhatsApp, è uscita di casa e ha fatto per avvicinarsi all’auto, questa è ripartita a gran velocità e non è più tornata, facendo perdere le proprie tracce.

Unica pecca: pare che nessuno abbia pensato di allertare i carabinieri e su questo punto occorrerà migliorare. Come era stato spiegato in un incontro pubblico al quale vennero invitati anche alcuni uomini dell’Arma, infatti, il gruppo WhatsApp “Agoiolo sicura” si era ripromesso di far fruttare una buona collaborazione con gli stessi militari: i cittadini di fatto devono essere gli occhi, senza però prendere il posto dei carabinieri in una sorta di regolamento di conti da “giustizia privata”. Insomma, un passo in più che la prossima volta sarà meglio effettuare.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti