Commenta

San Martino del Lago,
Maglia bis unica possibilità:
l'avversario è il quorum

Il sindaco uscente si aspettava di essere solo? "No, pensavo che l’odierna minoranza si presentasse. Guido Stradiotti (avversario 5 anni fa, ndr) non poteva candidarsi in quanto il ruolo di comandante della polizia locale (di Foedus e dell’aggregazione Eridanus, ndr) glielo impedisce. Avrei preferito le due liste".
maglia-san-martino_ev
Nella foto Maglia e il comune di San Martino del Lago

SAN MARTINO DEL LAGO – Non avranno scelta i cittadini di San Martino del Lago: il sindaco uscente Dino Maglia, che ha amministrato il comune dal 2011 ad oggi, non ha avversari. Sa bene però il primo cittadino che il vero pericolo si chiama quorum. «Spero che la gente capisca – afferma Maglia – che la questione non è se vinca io o meno, ma che si raggiunga il 50% per evitare che il comune sia commissariato, con la conseguenza di bloccare l’amministrazione. Se la gente si presenta alle urne, comunque vincerà San Martino».

Ma si aspettava di essere solo? «No, pensavo che l’odierna minoranza si presentasse. Guido Stradiotti (avversario 5 anni fa, ndr) non poteva candidarsi in quanto il ruolo di comandante della polizia locale (di Foedus e dell’aggregazione Eridanus, ndr) glielo impedisce. Avrei preferito le due liste per il motivo suddetto, in quanto in quel caso non sarebbe servito raggiungere il quorum del 50%, ma così è».

Sicuramente la novità principale degli ultimi anni è l’attività dell’autodromo, recentemente intitolato ad Angelo Bergamonti. Dopo qualche mese di pausa, c’è stata la riapertura con la nuova gestione, e sono stati completati i lavori per le barriere antirumore, dopo che qualcuno nella frazione di Ca’ de’ Soresini aveva espresso qualche lamentela. «Tutti i problemi sono stati risolti, e le barriere potenziate».

Anni fa San Martino abbandonò l’Unione Municipia, ora siete da anni con Palvareta Nova, come va? «Il bilancio è molto positivo anche se c’è sempre da migliorare. Anche la collaborazione con gli altri sindaci è ottima». Ma al di là dei bilanci e dei programmi la cosa che sta più a cuore a Maglia è una: «Mi appello a tutti i cittadini: andate a votare, se non volete farlo per me lasciate scheda bianca, ma cerchiamo di scongiurare il commissariamento del paese».

Nel consiglio uscente ci sono 9 consiglieri (6 di maggioranza e 3 di minoranza) più il sindaco. Nel prossimo con la nuova legge ce ne sarà uno in più. Per questo ad appoggiare Maglia ci sono dieci nomi. Si tratta di: Nicole Balestreri, William Bonoldi, Nazzareno Ceretti, Annamaria Conti Zanazzi, Matteo Gerelli, Giancarlo Guarneri, Sara Lazzarini, Gianfranco Peschiera, Donatella Scaglioni Galli e Mirco Zapperi.

Vanni Raineri

© Riproduzione riservata
Commenti