Commenta

Aria e polveri sottili,
M5S Viadana chiede installazione
di centralina di monitoraggio

In merito, il Movimento 5 Stelle ha depositato una mozione per il prossimo consiglio comunale.
piazza-manzoni-viadana_ev
Viadana

VIADANA  – Il Movimento 5 Stelle di Viadana ha depositato una mozione per il prossimo Consiglio per chiedere all’amministrazione comunale di installare una centralina di monitoraggio della qualità dell’aria e delle polveri sottili (PM 10 – 2,5 – 1) in prossimità di aziende del truciolare. Il consigliere 5 stelle Alessandro Teveri spiega l’iniziativa: “Nel Comune di Viadana non sono installate centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell’aria, e con questa mozione chiediamo al sindaco, primo responsabile della salute dei cittadini, di autorizzare l’installazione di una centralina viste le conclusione espresse dall’ASL a seguito dell’Indagine epidemiologica ‘Viadana II’  dove viene evidenziata ‘una relazione di causalità tra esposizione agli inquinanti emessi dalle aziende del pannello truciolare ed effetti sulla salute della popolazione pediatrica che vive in prossimità degli impianti’. Chiediamo al sindaco di dare seguito con coerenza all’impegno che si è assunto in campagna elettorale, quando in fase di pre ballottaggio chiedemmo con esito positivo, ai due candidati sindaci di impegnarsi per l’installazione di una centralina di monitoraggio fissa”.

Alessandro Teveri

Alessandro Teveri

Conclude poi il consigliere Teveri: “Giovedi 25 maggio si è svolto presso la sede della Provincia di Mantova, un importante incontro fra Arpa, ASL, Assessorato provinciale all’Ambiente, il Comitato Noi ambiente e Salute su aggiornamenti in merito alla qualità dell’aria nel viadanese. Erano presenti Il consigliere regionale Andrea Fiasconaro, il consigliere provinciale Franco Tiana, la consigliera comunale Susy Foti, ed erano stati invitati il sindaco di Pomponesco e Viadana. Purtroppo dell’amministrazione viadanese non si è presentato nessun delegato. Dall’incontro è emersa la necessità di continuare a monitorare l’aria dando seguito all’indagine epidemiologica del 2012 con nuove indagini e anche con centraline fisse al di fuori degli impianti del truciolare. Da qui la nostra iniziativa che ha lo scopo di preservare la salute della popolazione, proponendo all’amministrazione uno strumento utile per garantire un monitoraggio continuo della qualità dell’aria a tutela dei cittadini”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti