Commenta

Piedibus, la festa di volontari
e bambini al campo
sportivo di Vicomoscano

“Questo è il modo che l’amministrazione comunale ha pensato - ha spiegato l'assessore Valentini - per dire grazie ai nostri splendidi volontari: è stato un anno impegnativo, in cui però il servizio è andato avanti sempre, a volte vincendo influenze e indisposizioni. Ora speriamo in una maggiore partecipazione e turnazione".
festa-piedibus_ev

VICOMOSCANO (CASALMAGGIORE) – Una sorta di ultimo giorno di scuola-bis per una quarantina di bambini delle scuole elementari di Casalmaggiore. Ma con una grande differenza di fondo. O meglio, un paio: sì, perché i ragazzini abituati durante l’anno a recarsi a scuola grazie al servizio Piedibus, con i volontari che scortano gli stessi all’istituto Marconi, facendo attenzione che il tragitto venga compiuto in tutta sicurezza, questa volta sono saliti sullo scuolabus, per un breve viaggio che li ha portati da piazza Garibaldi al vicino campo sportivo di Vicomoscano.

Qui è stata organizzata, infatti, la festa del Piedibus, che a Casalmaggiore, dopo alcune vicissitudini, è stato confermato anche per l’anno scolastico appena concluso e che proprio dal comune casalese è partito negli anni scorsi, facendo poi scuola presso i vicini di casa, ad esempio, di Bozzolo e Viadana. Siamo però in debito di una differenza rispetto al solito: questa volta infatti la mattinata di giovedì è stata spesa interamente in giochi e attività ricreative, lontano dai libri di scuola, aprendo così l’estate che verrà.

Una giornata che ha coinvolto, oltre ai quaranta bambini, delle più svariate etnie, abituati a prendere il Piedibus, anche i quindici volontari. Tra gare di calcio, di beach volley, qualche partitella a bandiera e gli immancabili palloncini, che hanno reso colorata l’atmosfera, anche se qualcuno è presto sfuggito di mano. Poco male, i volontari – tra i quali vi è anche un fotografo pronto a immortalare i momenti più divertenti – sono stati subito pronti a prepararne altri. Una mattinata riuscita, perché pure il tempo ha tenuto, per la soddisfazione dell’assessore all’Istruzione Sara Valentini. “Questo è il modo che l’amministrazione comunale ha pensato – ha spiegato Valentini – per dire grazie ai nostri splendidi volontari: è stato un anno impegnativo, in cui però il servizio è andato avanti sempre, a volte vincendo anche influenze e indisposizioni. La speranza, per l’immediato futuro, è che qualche genitore in più possa partecipare, dando così la possibilità di una maggiore turnazione”.

A fine mattinata ecco i compiti per le vacanze: ciascun bambino potrà realizzare un disegno o sul proprio paese d’origine o sulla sua esperienza con questo servizio. Poi, al rientro a scuola a settembre, i lavori verranno valutati e, se sarà possibile, potrebbe essere realizzato un vero e proprio banchetto Piedibus durante la Fiera di San Carlo. Ora però è tempo di pensare alle vacanze…

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti