Commenta

Da tutta Europa
per il motoraduno
delle Bianchi

Partecipata iniziativa tra Spineda e Sabbioneta, giunta alla 25esima edizione.
bianchi-ev
La targa consegnata a Caleffi

SPINEDA – Parlando del marchio Bianchi oggi si tende a pensare alle biciclette di grande solidità su cui in tanti pedalano da sempre. Ci si dimentica invece che il nome appartiene pure ad una grande tradizione motociclistica che ha toccato elevati livelli competitivi. A rinfrescare la memoria ci pensa il bolognese Daniele Nanni che da 25 anni organizza dei raduni per valorizzare queste due ruote motorizzate dal fascino intramontabile. “Questo è il 25esimo anno, praticamente l’edizione d’argento, che allestiamo incontri come questo a cui partecipano appassionati da mezza Europa”: ha spiegato Nanni durante la pausa conviviale offerta a Spineda dall’Amministrazione comunale e locale Cooperativa.

“Abbiamo una coppia che arriva dalla Svezia, in aereo, per non mancare all’appuntamento, oltre a gente dalla Svizzera, dalla Germania e da altre nazioni”. Scopo di tale incontri quello di mostrare con orgoglio le motociclette storiche possedute visitando anche località turisticamente importanti come Sabbioneta o Soragna lo scorso anno. A Spineda avrebbe dovuto tenersi la gimcana a punti per stabilire una specie ddi classifica che però non si è tenuta causa la pioggia del mattino. Prima di riprendere il tragitto per Sabbioneta Daniele Nanni, che vestiva in stile anni 30 come la sua moto ha voluto presentare l’ex campione Silvio Grassetti pilota che ha gareggiato ai tempi di Giacomo Agostini in sella alla Bianchi 350. Prima del congedo ha consegnato al sindaco Davide Caleffi una targa a ricordo del passaggio complimentandosi pure col presidente della Cooperativa spinedese Andrea Scazza per l’abbondante rinfresco preparato.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti