Commenta

Pomì, la Coppa Cev inizia
a gennaio contro
Maccabi Haifa o Dabrowa Gornicza

Il presidente Massimo Boselli Botturi commenta: "A livello logistico e di sicurezza sarebbe meglio la trasferta in Polonia, ma guardando il ranking è più probabile che nel preliminare finisca ko il Maccabi Haifa, che dunque toccherebbe a noi. In ogni caso mai dire mai".
pomi-dentro8

CASALMAGGIORE – La Coppa Cev, per la Pomì Casalmaggiore, inizierà dai sedicesimi di finale, in programma a gennaio: tra il 1o e il 12 le gare di andata, tra il 24 e il 26 quelle di ritorno. Le rosa di coach Giovanni Caprara affronteranno la perdente del secondo turno di Champions League che vede coinvolte l’israeliana Maccabi Xt Haifa e la polacca Mks Dabrowa Gornicza. Il cammino europeo delle campionesse continentali in carica ripartirà dunque con l’anno nuovo e le prime avversarie uscite dal sorteggio tenutosi a Varna, in Bulgaria, giovedì mattina, non preoccupano più di tanto.

Anche l’incrocio successivo, quello degli ottavi di finale in programma a febbraio (andata tra il 7 e il 9, ritorno il 21 o 23), pare più che abbordabile: Casalmaggiore, in caso di passaggio del turno a gennaio, troverà una tra la macedone Minchanka Minsk, le finlandesi Hpk Hameenlinna e Lp Salo, la croata Mladost Zagabria. La seconda e la terza settimana di marzo sono in programma i quarti di finale, ad inizio aprile termineranno le gare di ritorno delle semifinali. L’11 ed il 15 aprile la doppia sfida che assegnerà il trofeo della Coppa Cev 2017. Può tirare un sospiro di sollievo anche Busto Arsizio: la Unendo Yamamay troverà, ai trentaduesimi, le belga del Vdk Gent Dames. In caso di passaggio del turno, le bustocche potrebbero anche rischiare di trovare ai sedicesimi l’Eczacibasi VitrA Istanbul di coach Massimo Barbolini, che con lo squadrone a disposizione non potrà certo permettersi di uscire dalla Champions League già al secondo turno.

“Sapevamo che, in qualità di società detentrice della Champions League, ci sarebbe toccato un sorteggio tutto sommato morbido almeno nei primi turni – ha commentato il presidente rosa Massimo Boselli Botturi – . Senza dubbio non sottovaluteremo l’avversario, anche perché giungerà dai preliminari della massima competizione europea e dunque merita il nostro rispetto. A livello logistico e di sicurezza sarebbe meglio la trasferta in Polonia, ma guardando il ranking è più probabile che nel preliminare finisca ko il Maccabi Haifa, che dunque toccherebbe a noi. In ogni caso mai dire mai. Il turno successivo? Le possibili quattro già si conoscono e sono tutte alla portata, è vero, ma abbiamo sempre ragionato un passo alla volta. Quindi ci penseremo poi, se saremo bravi a passare i sedicesimi. Piuttosto mi preme evidenziare l’importanza del fatto di non giocare a dicembre, ma solo da gennaio: avremo due mesi pieni, dopo il Mondiale per Club, per concentrarci esclusivamente sul campionato e sappiamo, dopo l’esperienza dello scorso anno, quanto la fatica su più fronti sia un fattore da non sottovalutare”.

Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti