Commenta

Tutto il fascino del podismo
al tramonto sul Po: è
il giorno dell'Europa Run

Si parte, mercoledì sera, alle ore 20 con il tracciato di 1 km tra le vie gestito dai Vigili Urbani,con la medaglia di partecipazione a tutti i Bimbi classificati. Poi verso le 20.15 lo start per tutti i partecipanti, della gara competitiva e non competitiva.
europa-run-2016_ev
Nella foto il suggestivo tramonto nella locandina di Europa Run

CASALMAGGIORE – Centro storico e golena. Tutto di corsa, senza per questo scordarsi di assaporare il panorama. La ricetta, e la bellezza, dell’Europa Run, stanno tutte qui: un segreto mai celato dall’organizzatore Andrea Visioli, già creatore di Eridano Adventure tra inverno e primavera e che per la terza volta consecutiva organizza la corsa con partenza da piazza Garibaldi e sviluppo poi lungo l’argine del fiume Po, senza dimenticare il passaggio da sempre suggestivo lungo viale degli Olmi.

Un modo per fare sport e dunque stare in salute, riappropriandosi della natura, del nostro paesaggio, delle nostre bellezze, troppe volte date per scontate. E soprattutto un’opportunità offerta a tutti: sì, perché l’Europa Run, che ha mantenuto il proprio nome sin dal 2014, quando a maggio venne inserita per la prima volta nel menù della festa che celebrava il Vecchio Continente, stavolta si sposta all’interno del cartellone della Fiera di Piazza Spagna iniziata lo scorso weekend e in programma fino a domenica prossima. E pensa davvero a tutte le età, con una significativa novità.

Si parte, mercoledì sera, alle ore 20 con il tracciato di 1 km tra le vie gestito dai Vigili Urbani, con la medaglia di partecipazione a tutti i bimbi (fino a 12 anni) classificati. Poi verso le 20.15 lo start per tutti i partecipanti, della gara competitiva e non competitiva: già perché ognuno potrà scegliere di gareggiare secondo la propria indole e intuito, le proprie sensazioni, il proprio modo di porsi. Esiste infatti una Europa Run competitiva, inserita nel Circuito del Comitato Podistico Cremonese, e una non competitiva: basterà firmare la manleva di responsabilità presso il ritrovo previsto in Pro Loco.

Sei chilometri per le donne competitive e per chi non vuole allungare un altro poco; otto per gli uomini competitivi e per chi dunque se la sente di fare un’escursione verso il punto spugnaggio-ristoro volante presso il quartiere Baslenga, attraversando il nuovo Parco dei Tigli di recentissima piantumazione. Parlando di iscrizioni, la spesa è di 3 euro per i bambini con medaglia, per tutti gli altri invece cifra simbolica di 5 euro con pacco gara. Le premiazioni sono offerte dagli sponsor Padania, Pomì, i-eXe, Bormioli Rocco, Sportball.

La combinata tra centro storico e golena vale per tutti: i più piccoli, toccando via Baldesio e via Italia, arriveranno infatti di fianco al Lido Po per poi fare ritorno; gli adulti avranno il compito di arrivare in via Alzaia, al tunnel degli Olmi, fino all’arginetto di cinta comprensoriale, da qui percorrendo un intrigante nuovo sentiero nel bosco a forestazione naturale aperto per l’occasione nella lanca di Agoiolo, poi risalita dell’argine maestro, in direzione pieve e Santa Maria. A quel punto per le donne vi sarà il rientro in piazza, per gli uomini invece il passaggio dal quartiere Baslenga fino all’arco di San Mauro, quindi in piazza.

Un lavoro certosino da parte degli organizzatori e dei privati che lungo cospicue fette di percorso hanno provveduto autonomamente allo sfalcio e anche alla creazione di chicane artificiali, che renderanno più tecnico il percorso. Tecnico ma soprattutto affascinante: perché correre sul Po, all’ora del tramonto con età e generazioni diverse in gioco, vale più di eventuali medaglie e pacchi gara, comunque garantiti al momento delle premiazioni per i primi tre delle infinite categorie e per tutti i bambini presenti.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti