Commenta

Cinema d'estate al Museo
Diotti: ecco i cinque titoli
della rassegna 2016

"Il cinema all’aperto del Museo Diotti è un appuntamento divenuto ormai tradizionale che ci sta molto a cuore - spiega Pamela Carena, assessore alla Cultura del comune di Casalmaggiore - tanto da averci indotto a proporre a partire da quest’anno anche una rassegna “parallela” invernale".
grand-budapest_ev
Nella foto la locandina del film che apre la rassegna

CASALMAGGIORE – Torna la rassegna cinematografica estiva del Museo Diotti, a partire da mercoledì 13 luglio. Il curatore è come sempre Emanuele Piseri, che quest’anno ha scelto di ispirarsi allo spirito di un film di Wim Wenders del 1993, di cui sia il titolo della rassegna che il manifesto sono una citazione esplicita.

“Quel bianco e nero che si percepisce solo all’inizio, portando fuori man mano i colori dell’anima dello spettatore – spiega lo stesso Piseri – mi ha riportato al vero compito del cinema: mettere in scena una storia che racconti un episodio nella vita di tutti i giorni e che diventi universale nel momento in cui qualcuno la ascolta. Wenders mi ha rievocato la percezione costante di qualcosa che divide e unisce mondi che non si possono toccare, ma si avvicinano tanto da essere influenzati reciprocamente. Avvertendo l’aura l’uno dell’altro. E forse anche per questo un ponte esiste già”.

I cinque film in programma sono i seguenti:

Mercoledì 13 luglio
Grand Budapest Hotel di Wes Anderson (2014)

Monsieur Gustave è il concierge, ma di fatto il direttore del Grand Budapest Hotel, collocato nell’immaginaria Zubrowka. Gode soprattutto della confidenza (e anche di qualcosa di più) delle signore attempate. Una di queste, Madame D., gli affida un prezioso quadro. In seguito alla sua morte il figlio Dimitri accusa M. Gustave di averla assassinata. L’uomo finisce in prigione. La stretta complicità che lo lega al suo giovanissimo neoassunto portiere immigrato Zero gli sarà di grande aiuto.

Mercoledì 20 luglio
Due giorni, una notte dei Fratelli Dardenne (2014)

Sandra ha un marito, Manu, due figli e un lavoro presso una piccolo azienda che realizza pannelli solari. Sandra ‘aveva’ un lavoro perché i colleghi sono stati messi di fronte a una scelta: se votano per il suo licenziamento (è considerata l’anello debole della catena produttiva perché ha sofferto di depressione, anche se ora la sua situazione è migliorata) riceveranno un bonus di 1000 euro. In caso contrario non spetterà loro l’emolumento aggiuntivo. Grazie al sostegno di Manu, Sandra chiede una ripetizione della votazione in cui sia tutelata la segretezza. La ottiene ma ha un tempo limitatissimo per convincere chi le ha votato contro a cambiare parere.

Mercoledì 27 luglio
Wolf Children di Mamoru Hosoda (2012)
Hana è una studentessa di diciannove anni che all’università incontra un ragazzo di cui si innamora. Questi le rivela di essere un uomo lupo, l’ultimo discendente dell’ormai estinto lupo giapponese. Ciononostante, i due si mettono insieme.

Mercoledì 3 agosto
Taxi Teheran di Jafar Panahi (2015)
Un taxi attraversa le strade di Teheran in un giorno qualsiasi. Passeggeri di diversa estrazione sociale salgono e scendono dalla vettura. Alla guida non c’è un conducente qualsiasi, ma Jafar Panahi stesso, impegnato a girare un altro film ‘proibito’. Panahi è stato condannato dalla ‘giustizia’ iraniana a 20 anni di proibizione di girare film, scrivere sceneggiature e rilasciare interviste, pena la detenzione per sei anni. Ma non c’è sentenza che possa impedire ad un artista di essere se stesso.

Mercoledì 10 agosto
Father and Son di Hirokazu Kore-Eda (2013)
Nonomiya Ryota è un professionista di successo, un uomo che lavora sodo ed è abituato a vincere. Un giorno, lui e la moglie Midori ricevono una chiamata dall’ospedale di provincia dove sei anni prima è nato loro figlio, Keita, e vengono a sapere che sono stati vittima di uno scambio di neonati. Il piccolo Keita è in realtà il figlio biologico di un’altra coppia, che sta crescendo il loro vero figlio, insieme a due fratellini, in condizioni sociali più disagiate e con uno stile di vita molto differente. Ryota si trova di fronte alla necessità di una decisione terribile: scegliere il figlio naturale o il bambino che ha cresciuto e amato per sei anni?

“Il cinema all’aperto del Museo Diotti è un appuntamento divenuto ormai tradizionale che ci sta molto a cuore – spiega Pamela Carena, assessore alla Cultura del comune di Casalmaggiore – tanto da averci indotto a proporre a partire da quest’anno anche una rassegna “parallela” invernale nell’ambito presso il Teatro Comunale. Quest’anno abbiamo scelto inoltre di inserire due titoli (Wolf Children e Father and Son) appartenenti alla cinematografia contemporanea giapponese, nello spirito della rassegna Stupor mundi che propone il Giappone come sfondo integratore per le attività culturali proposte dal Comune nel 2016″.

Le proiezioni avranno inizio alle 21.30. In caso di maltempo la proiezione si terrà all’interno del Museo. Il costo dell’ingresso corrisponde al biglietto d’ingresso al Museo: intero 3 euro, ridotto 2,50. Sarà possibile anche acquistare la tessera che consente l’ingresso al Museo per un anno: intera 12 euro, ridotta 10 euro.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti