Commenta

Domenico Fazzi ancora
dottore: sesta laurea a 80 anni
per l'ex sindaco di Martignana

Giovedì mattina discussione e proclamazione a Cremona. Presenti famigliari e amici, ma anche i compagni di corso che hanno condiviso l'emozione di chi, pur compiendo 80 anni a gennaio, ha ancora sete di conoscenza e si laurea così per la sesta volta.
domenico-fazzi-dottore_ev
Nella foto Domenico Fazzi durante la proclamazione e al termine della discussione

CREMONA/MARTIGNANA DI PO – Sei volte dottore: l’ex sindaco di Martignana di Po, Domenico Fazzi, si è laureato giovedì mattina nell’aula magna di palazzo Raimondi, sede del dipartimento di Musicologia e Beni culturali di Cremona, Università di Pavia. Presenti famigliari e amici, ma anche i compagni di corso che hanno condiviso l’emozione di chi, pur compiendo 80 anni a gennaio, ha ancora sete di conoscenza e si laurea così per la sesta volta.

La tesi di Fazzi va alla scoperta delle radici culturali del territorio, partendo dal sistema linguistico per poi raccontare tradizioni e storie: “Il casalasco e il cremonese cittadino, due dialetti a confronto; contributo per uno studio comparativo”, questo il titolo. I contenuti sono stati raccontati con passione alla commissione, partendo dal metodo: Fazzi ha comparato i lemmi dei due dialetti che iniziano con le lettere A e B (troppo esteso l’intero alfabeto) e sviluppato un approfondimento sugli ‘scutmai’ cioè i soprannomi. Ci sono molteplici differenze fra il cremonese e il casalasco, territorio che essendo al confine con parmense e mantovano, ha risentito delle influenze anche di pronuncia.

Il tempo di festeggiare (110 e lode il voto attribuito dalla commissione) ed ecco che Fazzi tornerà sui libri: frequenterà infatti il biennio di specialistica. Un titolo che si aggiunge agli studi intrapresi in Giurisprudenza, Scienze politiche, Archeologia, Storia antica e infine Lettere nel 2014, in una classe di studi differente dall’attuale, con una tesi che omaggiava Don Carnevali, parroco di Martignana di Po.

Federica Priori 

© Riproduzione riservata
Commenti