Commenta

Ezio Bosso, show a Gualtieri
E poi non rinuncia ai
tortelli di Arneo Nizzoli

Colpito da una malattia neuro-degenerativa progressiva, l'artista si esibisce utilizzando un pianoforte appositamente adattato e usando uno sgabello con supporto speciale. A portare i complimenti a Bosso, tra i duemila spettatori che lo hanno applaudito, il presidente di Confcommercio Mantova Ercole Montanari.
ezio-bosso-villastrada_ev
Nella foto Bosso con Massimo Nizzoli

VILLASTRADA (DOSOLO) – Nonostante la stanchezza di un concerto estenuante tenuto nella confinante Gualtieri, l’artista Ezio Bosso non ha voluto perdersi  i tortelli di Arneo Nizzoli. Anzi, come ha sottolineato il grande compositore, pianista e direttore d’orchestra, “non venire a mangiare qui è una mancanza impagabile, in qualsiasi tempo e a qualsiasi ora”.

In pratica si è trattato di un incontro tra due eccellenze: quella culinaria del noto imperatore della zucca mantovano e quel genio musicale esploso a livello popolare durante l’ultimo Festival di Sanremo. In effetti Ezio Bosso nella trattoria di Villastrada c’era già stato la sera prima, approfittando delle prove prima del concerto, ma il buon sapore della zucca ha generato una specie di filo d’Arianna che lo ha “costretto” a  tornare ventiquattro ore dopo.

Grande l’esibizione di Bosso, accompagnato dagli “Otto violoncellisti” e da David Romano al violino in quel di Gualtieri che lo ha eletto cittadino onorario. Colpito da una malattia neuro-degenerativa progressiva, l’artista si esibisce utilizzando un pianoforte appositamente adattato e usando uno sgabello con supporto speciale. A portare i complimenti a Bosso, tra i duemila spettatori che lo hanno applaudito, anche il presidente di Confcommercio di Mantova Ercole Montanari.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti