Commenta

A Villa Medici del Vascello
Cecilia Gallerani "rivivrà"
grazie alla multimedialità

Nel 2015 i visitatori della «casa» di Cecilia Gallerani, circondata da un parco di 11 ettari all’inglese, sono stati 15.000 «e quest’anno le cose stanno andando ancora meglio», dice il sindaco. Una volta resuscitata virtualmente la Dama, il prossimo passo coincide con il sogno di sempre: avere in prestito da Cracovia il suo ritratto.
dama-ermellino_ev
Nella foto la Dama con l'Ermellino di Leonardo da Vinci

SAN GIOVANNI IN CROCE – Potremmo presto vederla accoglierci in quella che fu la sua dimora. Cecilia Gallerani, la «Dama con l’ermellino» ritratta da Leonardo da Vinci tornerà infatti a vivere, grazie alla multimedialità più all’avanguardia. La si potrà «incontrare» mentre suona il liuto, si intrattiene con la sua corte, o ancora mentre posa per il dipinto che l’ha resa celebre. Il progetto è stato presentato in anteprima al Corriere della Sera ed è in fase avanzata.

Un viaggio attraverso il tempo, quello a cui si sta lavorando a Villa Medici del Vascello a San Giovanni in Croce, splendida dimora della Dama. La rocca, edificata nel 1407 e ora di proprietà del Comune, è stata chiusa a lungo e riaperta nel maggio 2014, dopo un complesso restyling strutturale. L’ala ovest è stata recuperata quasi per intero, ora tocca a quella est. «Il restauro — spiega Pierguido Asinari, sindaco e docente all’Università di Torino — è cominciato a giugno e terminerà a fine 2016». Poi partirà la seconda fase «dell’allestimento vero e proprio che, attingendo alle tecnologie più innovative presenti sul mercato, consentirà di fare un tuffo nel passato».

«Un progetto che ha comportato approfondimenti non solo sul piano tecnico, ma anche storico e letterario», sottolinea Marco Piastra di Skylab Studios, azienda specializzata nell’applicazione e sviluppo della realtà aumentata, cui il Comune si è rivolto. Tutto sarà pronto entro l’autunno 2017. Costo complessivo dell’intervento 600mila euro, di cui 400mila stanziati dal decreto SbloccaItalia e 100mila dalla Cariplo. Per la quota rimanente il Comune farà la sua parte, sperando anche nel contributo di altri enti e di privati.

Nel 2015 i visitatori della «casa» di Cecilia Gallerani, circondata da un parco di 11 ettari all’inglese, sono stati 15.000 «e quest’anno le cose stanno andando ancora meglio», dice il sindaco. Una volta resuscitata virtualmente la Dama, il prossimo passo coincide con il sogno di sempre: avere in prestito da Cracovia, dov’è conservato, il suo ritratto.

Dario Murri 

© Riproduzione riservata
Commenti