Commenta

Morto per un malore a 47
anni: anche Bozzolo piange
il mantovano Alessandro Negri

Negri è caduto al suolo nella sua stanza d’albergo: un rumore sordo udito da un collega di Alessandro, che ha provato ad aprire la porta della camera del 47enne, senza successo, e a quel punto ha dato l’allarme. Il fatto è accaduto attorno alle 2 della notte tra mercoledì e giovedì.
alessandro-negri_ev
Nella foto Alessandro Negri (foto Facebook)

BOZZOLO/MANTOVA – Abitava a Mantova, dove era tornato, ma per un certo periodo era stato anche a Bozzolo, dove aveva ancora molti amici: per questo la scomparsa di Alessandro Negri a soli 47 anni ha destato profondo cordoglio anche nel comune mantovano. Negri, per tutti “il Panoz” (questo il soprannome), si trovava a Varsavia per lavoro, quando si è sentito male in albergo: un malore improvviso che lo ha stroncato nonostante i tentativi di rianimazione e l’arrivo del personale sanitario sul posto.

Lo stesso è caduto al suolo nella sua stanza d’albergo: un rumore sordo udito da un collega di Alessandro, che ha provato ad aprire la porta della camera del 47enne, senza successo, e a quel punto ha dato l’allarme. Il fatto è accaduto attorno alle 2 della notte tra mercoledì e giovedì, dopo una serata in compagnia dei colleghi alla quale Alessandro, sentendosi poco bene, non aveva voluto partecipare. Molto conosciuto a Mantova, dove era un volto noto del centro cittadino, lascia come detto anche gli amici di Bozzolo e soprattutto la figlioletta di 3 anni.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti