Commenta

Corsa del Rey davvero per
tutti: una festa di sport tra
le bellezze di Rivarolo del Re

I ragazzi dell’Asd Rivarolo del Re avevano invitato tutti a partecipare e possono ritenersi soddisfatti per il bel tempo, che a differenza dello scorso anno ha baciato la domenica mattina rivarolese, e per le tante generazioni rappresentate di corsa.
corsa-rey_ev

RIVAROLO DEL RE – E’ stata davvero una Corsa del Rey per tutti: c’erano uomini, donne e bambini, famiglie insomma, e soprattutto rappresentanti di diverse generazioni. C’è chi ha corso, si fa per dire, a pochi mesi, sospinto dentro il passeggino dalla mamma (come Stella Varotti, che sta riprendendo dopo la maternità l’attività agonistica); e chi invece lo ha fatto alla bella età di 82 anni, senza per questo sfigurare. Un’edizione che ha raccolto 170 partecipanti, immersi in tre percorsi diversi, nella natura e nella campagna rivarolese, senza dimenticare quelle opere d’arte, veri e propri monumenti storici come la Todeschina, rappresentati da cascine che dipingono il paesaggio del Casalasco e, in generale, della Pianura Padana.

Carlo Stassano ha fatto da speaker, rappresentando anche gli Amici dell’Ospedale Oglio Po, a disposizione per controlli medici di vario tipo. Costantino Vaia, in rappresentanza dello sponsor Pomì, ha tifato da dietro le quinte, mentre “Splash”, pur senza il costume con cui siamo abituati a vederlo al PalaRadi durante le gare interne della Vbc Casalmaggiore, si è tenuto in allenamento. Ha promesso, ricordiamolo, di correre la Maratona di New York per onorare il successo della Pomì in Champions. Se è così, questo è un inizio. A proposito di pallavolo non mancava Valentina Zago, legata sentimentalmente al comune di Rivarolo del Re e rimasta nei cuori dei tifosi casalesi, anche ora che sfiderà Casalmaggiore con la maglia di Scandicci.

A garantire la rappresentanza istituzionale, pure il sindaco Marco Vezzoni, che per non sbagliare ha scelto il percorso rosso, ossia una via di mezzo da 5 km tra i due circuiti da 3.5 e da 10 km. All’arrivo, un po’ provato, è stato subito braccato da Stassano per una testimonianza e un saluto alla cittadinanza, oltre che un grazie agli organizzatori. Già, gli organizzatori, ossia i ragazzi dell’Asd Rivarolo del Re: avevano invitato tutti a partecipare, possono ritenersi soddisfatti per il bel tempo, che a differenza dello scorso anno ha baciato la domenica mattina rivarolese, e per le tante generazioni rappresentate di corsa, passando anche per la Fiera Settembrina, con le giostre ovviamente ferme vista anche l’ora.

Per la cronaca hanno vinto Alberto Marogna della Virtus Mantova nella 10 km, percorso nero, il più complicato di tutti, con Natascia Pizza del club locale prima tra le donne; mentre Dario Assandri dell’Atletica Interflumina s’è preso la 5 km, circuito rosso, con Martina Giacometti dell’Asd Rivarolo del Re prima nel gentil sesso. A chiudere, anzi aprire, sul traguardo, la festa è stato un ragazzino di Rivarolo del Re, Giovanni Caroli, giunto primo nella 3.5 km, contrassegnata dal colore verde, mentre tra le donne ha vinto su questa distanza Ester Sarzi Puttini. Ma alle classifiche si penserà con l’albo d’oro, quando il prossimo anno la Corsa del Rey tornerà col suo carico di sport e divertimento. Domenica, alla fine, l’unico pensiero e il grazie più sentito era per tutti i partecipanti, nessuno escluso.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti